Corso di viticoltura e enologia per amanti del buon vino

SORSO. L'amministrazione comunale e l'assessorato alle Attività Produttive, con la collaborazione della Laore, organizzano il Corso di viticoltura ed enologia. Un corso rivolto agli operatori del...

SORSO. L'amministrazione comunale e l'assessorato alle Attività Produttive, con la collaborazione della Laore, organizzano il Corso di viticoltura ed enologia.

Un corso rivolto agli operatori del settore, agli estimatori e ai curiosi, aperto a tutti coloro che intendano avvicinarsi al mondo vitivinicolo, fornendo ai partecipanti strumenti teorici e pratici così da acquisire conoscenze specifiche e competenze spendibili sul mercato della viticoltura ed enologia.

A tale scopo, l'amministrazione si avvale del supporto dei tecnici della Laore, specializzati nel settore, che affronteranno gli argomenti specifici, seguendo il ciclo del vigneto, facendo sì che le conoscenze teoriche, approfondite in aula, si uniscano alle competenze pratiche, messe in campo direttamente nelle vigne.

Il quarto incontro affronterà la tematica del governo del vino, spiegata da Franco Fronteddu, venerdì 18 novembre alle ore 16, nella sala del Palazzo Baronale. «Puntiamo sull'avvicinamento all'attività del vitigno dei giovani e meno giovani, degli appassionati e dei piccoli proprietari di vigne affinché si riapproprino delle professionalità che ci caratterizzavano», afferma l'assessore alle Attività produttive, Mauro Vacca. «Il nostro obiettivo è riportare sul mercato del lavoro le maestranze che col tempo sono andate perdute. Il corso vuole essere un modo per rivalutare le nostre origini, ma padroneggiando le moderne conoscenze».

«Ho sempre sentito un legame stretto con la terra, una terra ricca, generosa e produttiva. Se rifletto su Sorso oggi, il primo pensiero forte e convinto è che Sorso debba valorizzare le sue produzioni agricole di eccellenza. E la vite e il vino, sono le priorità», spiega il promotore del corso, il consigliere Gigi Spanu. «Le nostre vigne sono ancora oggi ottime produttrici di uve pregiate. Le nostre uve sono contese da famose cantine che le acquistano per produrre eccellenti vini. Ma ritengo che la rotta debba cambiare: dobbiamo rivendicare anche il nostro antico primato di eccellenti produttori di vini. Dobbiamo riportare sul mercato il marchio del vino di Sorso e di tutto questo vasto e benevolo territorio di Romangia».

Per far questo, però, si ha necessità di guardare al contesto attuale con occhi nuovi: il mercato è cambiato, i gusti e i palati dei fruitori si sono specializzati, le conoscenze si devono adeguare ai tempi e alle nuove metodologie di vinificazione.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes