Un cane scova un osso della balena

Ritrovato all’Eden Beach, è stato già consegnato alla facoltà di Veterinaria

SORSO. Un pezzo di Moby Dick riemerge dalle sabbie dell’Eden beach. Il ritrovamento dell’osso ioide – fa parte della zona inferiore della bocca – risale a pochi giorni fa, quando Roberto Murineddu passeggiava sulla spiaggia insieme al suo cane Lucky. È stato proprio il quadrupede a scorgere la sagoma nel bagnasciuga e richiamare l’attenzione del padrone.

Ieri pomeriggio il responsabile scientifico del progetto di recupero della balenottera, Marco Zedda, e il tecnico del dipartimento di Medicina veterinaria, Nicolino Rassu, si sono recati a Sorso per ricevere in consegna il piccolo tesoro. Lo ioide è stato trasportato al dipartimento di Medicina veterinaria dove da qualche settimana sono in corso le operazioni di sezionamento e ripulitura dello scheletro recuperato dall’arenile del sesto pettine di Platamona. Un lavoro faticoso che andrà avanti ancora per qualche mese e che terminerà con l’esposizione della balenottera in una location che verrà indicata dal Comune di Sorso.

«La collaborazione con i cittadini è molto preziosa – ha detto il docente ringraziando la famiglia Murineddu –. Contiamo molto sulle segnalazioni di chi frequenta le spiagge di Sorso per cercare di recuperare eventuali altre ossa disperse». (s.sant.)



WsStaticBoxes WsStaticBoxes