Marijuana, 600 piante nascoste da balle di fieno

Scoperte dalla Forestale nelle campagne di Illorai: previsti sviluppi a breve Sistemate sotto la tettoia di un ovile, erano in avanzata fase di essiccazione

SASSARI. Più di 600 piante di cannabis in avanzata fase di essiccazione, nascoste da un “muro” di balle di fieno e sostenute nella fase di preparazione da un sistema di ventilazione costituito da tre grosse ventole alimentate da un sistema elettrico.

La scoperta è stata fatta ieri dagli agenti del Corpo forestale e di vigilanza ambientale che da qualche giorno erano impegnati nella ricerca di piante che erano già state estirpate da una grossa coltivazione individuata in un terreno nelle campagne di Illorai.

L’operazione portata a compimento degli operatori della stazioni Forestali di Bono e Benetutti e dal Nucleo investigativo del Corpo Forestale dell’ispettorato di Sassari, ha consentito di scoprire le 600 piante in uno degli ovili nella zona di “Littoccoro”. Le piante erano sotto una tettoia, la visuale dall’esterno era stata oscurata con il posizionamento di balle di foraggio.

Un espediente che però non ha consentito di sfuggire al controllo dei Forestali che nel corso dei controlli mirati sono riusciti a individuare le piante appese al solaio per consentire una più rapida essicazione.

Gli agenti del Corpo Forestale e di vigilanza ambientale hanno dovuto operare con particolare prudenza: la presenza dell’impianto elettrico, realizzato con fili scoperti e in assenza delle minime norme di sicurezza ha richiesto molta attenzione per evitare di mettere in pericolo l’incolumità degli agenti. Tutte le piante sono state recuperate e messe sotto sequestro insieme all’attrezzatura utilizzata per la coltivazione e per la fase di essicazione. Degli esiti dell’operazione è stata data comunicazione alla procura della Repubblica di Sassari. Le indagini, intanto, sono in piena evoluzione con l’obiettivo di risalire a chi ha raccolto e predisposto la preparazione delle piante di cannabis. Non sono esclusi sviluppi a breve.

«Siamo fortemente determinati a contrastare queste attività illecite – ha detto il capo dell’Ispettorato Forestale di Sassari Giancarlo Muntoni – e i frutti del nostro lavoro iniziano a dare ottimi risultati. Abbiamo attuato un monitoraggio e una sorveglianza costante nelle campagne per dare massima efficacia alla nostra azione».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes