Fermato sulla 131 con 300 galline: 15mula euro di multa per un camionista

Gli animali trasportati senza alcuna autorizzazione, in corso i controlli sanitari

SASSARI. Nel cassone del camion le gabbie accatastate una sopra l’altra, e dentro 300 galline trasportate abusivamente, senza il rispetto delle autorizzazioni previste per gli animali viaggianti.

Il camionista è stato intercettato da una pattuglia della polizia stradale sulla 131, all’altezza di Giave. Fermato per un controllo, di fronte alle richieste degli agenti l’autista (un pensionato del Sassarese) non è stato in grado di fornire la documentazione - oltre a quella fiscale anche sanitaria - prevista in questi casi. Concluse le verifiche, che hanno visto l’intervento anche di un veterinario del Servizio sanitario dell’Asl - all’uomo sono state contestate una serie di infrazioni e gli è stata notificata una sanzione di 15mila euro. Sotto sequestro il camion utilizzato per il trasporto delle galline sulle quali si attendono gli accertamenti sanitari. Sono in corso le verifiche per stabilire con certezza la destinazione del carico.

L’operazione effettuata dagli agenti della polizia stradale si inserisce nell’ambito nella campagna europea avviata in questi giorni denominata “Truck and bus”. L’obiettivo è quello di intensificare i controlli dei mezzi pesanti adibiti al trasporto merci, degli autobus e dei veicoli adibiti al trasporto di merci pericolose, sia d’immatricolazione nazionale che straniera.

Nel caso specifico, il controllo ha riguardato un camion utilizzato per spostare da una parte all’altra della Sardegna di animali non certificati e destinati comunque alla catena alimentare.

La polizia stradale ha predisposto controlli mirati, per tutto il periodo della durata del programma (una settimana), con attenzione specifica allo stato psicofisico dei conducenti, il rispetto dei limiti di velocità, della normativa Adr sul trasporto delle merci pericolose e tutte le altre prescrizioni sull’autotrasporto previste dalla normativa nazionale e comunitaria.

I servizi di controllo sono stati predisposti soprattutto nelle ore di maggiore concentrazione del traffico veicolare, lungo le principali arterie stradali dell’isola.

Purtroppo i risultati degli accertamenti dell’ultimo periodo confermano un dato preoccupante: troppi i conducenti che si mettono alla guida dei veicoli sotto l’effetto di sostanze alcoliche e di droghe. Gli agenti della polizia stradale di Sassari, guidati dal dirigente Inti Piras, soprattutto nei fine settimana hanno accertato l’aumento delle persone (parecchi i giovanissimi) alla guida di veicoli in condizioni psicofisiche precarie. Decine le patenti ritirate e i mezzi confiscati. I servizi verranno intensificati anche nelle prossime settimane. (g.b.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes