A Rizzeddu la “centrale” dell’emergenza

La “Palazzina 1” dell’ex ospedale psichiatrico ospiterà il quartier generale del 118 e il centro unico di risposta regionale

SASSARI. La centrale operativa del 118 cambia casa. Ad ospitare la struttura, attualmente in via Monte Grappa, sarà la “Palazzina I” dell’ex ospedale psichiatrico di Rizzeddu, di proprietà di Ats Sardegna. Che, nei giorni scorsi, ha firmato il protocollo con cui cede l’immobile in comodato d’uso gratuito per 30 anni (rinnovabili) all’Areus, l’azienda regionale Emergenza Urgenza Sardegna. E, sempre all’interno dello stesso stabile, oltre 1200 metri quadri distribuiti su due piani, troverà posto anche la sede sassarese della “Centrale Unica di Risposta”, che insieme a quella prevista a Cagliari permetterà di attivare nell’Isola il Nue, il Numero unico europeo delle emergenze “112”, con le sedi del nord e del sud dell’Isola che saranno costruite in configurazione da Disaster Recovery (dr) per consentirne l’avvicendamento funzionale in caso di necessità.

Una riorganizzazione complessiva dell’emergenza nell’Isola insomma, che avrà nel capo di sopra il suo cuore pulsante nella palazzina realizzata nel 1906 e sopraelevata nel 1933, facilmente accessibile sia dalla via Rockfeller che dalla via Rizzeddu, dentro il complesso, immerso in quattro ettari di verde all’interno della città, che è stato per quasi cent’anni il punto di riferimento nel territorio sassarese per l’assistenza e ricovero dei malati psichici. Un patrimonio edilizio comprende sedici strutture che hanno ospitato centinaia di pazienti nel corso di oltre 80 anni, che lentamente si sta cercando di riqualificare, con il trasferimento e la creazione di nuovi servizi.

Operazione che riguarderà anche la “Palazzina 1”, che prima di diventare operativa necessita di lavori di ristrutturazione, adeguamento alle norme antincendio e di abbattimento delle barriere architettoniche, con Areus che ha destinato ai lavori 670mila euro rimodulando un finanziamento regionale inizalmente dedicato alla centrale operativa del 118 di Cagliari. Insieme alla palazzina Ats cederà ad Areus anche l’utilizzo di un’area esterna di 2470 metri quadri che sarà destinata ad elibase, con un’area attigua da adibire a parcheggio dei mezzi di soccorso di circa 600 metri quadri.

I lavori di ristrutturazione si concluderanno presumibilmente non prima dell’agosto 2022. Motivo per cui la giunta regionale ha disposto che nell’attesa la sede unica del Cru sarà ospitata nella sede dell’Areus a Nuoro, prevedendo, nel frattempo, un disater recovery temporaneo presso la Regione Lombardia.

Una volta completati i Cru di Sassari e Cagliari la sede di Nuoro potrà essere utilizzata come Centrale Operativa per i trasporti programmati non urgenti ed eventualmente quale una delle sedi per la Centrale Operativa del 116117, numero unico per i servizi di cure mediche non urgenti e altri servizi sanitari e concorre alla gestione della domanda assistenziale a bassa intensità o priorità.



WsStaticBoxes WsStaticBoxes