sassari
cronaca

Il cardinale Becciu torna a casa e celebra la messa

Don Angelino è ritornato in Sardegna per la prima volta dopo essere stato  al centro dell’inchiesta sui fondi vaticani. Il giorno di Natale è comparso dietro l’altare della chiesa di Santa Sabina a Pattada


06 giugno 2022 Silvia Sanna


PATTADA.  Il cardinale Angelo Becciu è in Sardegna, nell’isola ha scelto di trascorrere il Natale e il Capodanno. È a Pattada, a casa sua, insieme ai fratelli e agli altri familiari stretti. Don Angelino all’inizio dell’autunno è finito al centro dell’inchiesta sull’utilizzo improprio dei fondi della Chiesa che ha portato alle sue dimissioni dalla carica di prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi, dimissioni accettate da Papa Francesco.

Da quando è scoppiato il caso il cardinale Becciu non aveva ancora lasciato il Vaticano per rientrare in Sardegna. Ha deciso di farlo sotto Natale e ha scelto di mantenere un profilo molto basso. Ma, racconta, non era preoccupato che le vicende giudiziarie e il grande clamore mediatico condizionassero l’accoglienza da parte dei suoi compaesani: «Mi vogliono bene, hanno fiducia in me e lo hanno dimostrato anche di recente».

Per il cardinale Becciu gli unici spostamenti in questi giorni sempre condizionati dalle restrizioni per il Covid, sono stati dalla casa alla chiesa: in parrocchia a Pattada e a Ozieri, in cattedrale, dove ha celebrato la messa della vigilia di Natale insieme al vescovo di Ozieri Corrado Melis. Il giorno di Natale invece don Becciu è apparso in diretta ai fedeli collegati sulla pagina Facebook della parrocchia di Santa Sabina a Pattada: il cardinale ha celebrato la messa delle 11 insieme al parroco don Gianfranco Pala.

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

 

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.