La polizia locale incontra gli anziani nella chiesa di San Paolo

SASSARI. Nuovo appuntamento con la polizia locale di Sassari nell’ambito dell’innovativo progetto contro le truffe agli anziani. Dopo San Pietro in Silki è stata la chiesa di San Paolo con il parroco...

SASSARI. Nuovo appuntamento con la polizia locale di Sassari nell’ambito dell’innovativo progetto contro le truffe agli anziani. Dopo San Pietro in Silki è stata la chiesa di San Paolo con il parroco don Luciano Salaris a ospitare gli uomini in divisa. Un progetto ambizioso partito non a caso dalle chiese, da sempre luogo simbolo di incontro degli anziani. «Perché sono loro – aveva spiegato il comandante Gianni Serra – a dare più fiducia alle persone che li avvicinano, senza rendersi conto del pericolo che si nasconde dietro quei contatti». La polizia locale di Sassari ha realizzato delle brochure che contengono indicazioni e consigli molto importanti su come riconoscere i truffatori e, ancor più, su come difendersi. Si presentano spesso come addetti dell’energia elettrica, funzionari del Comune, operatori sanitari e persino forze dell’ordine. Come riconoscerli? «Innanzitutto – ha spiegato la polizia locale – non si dovrebbe far entrare mai nessuna di queste persone in casa a meno che non abbiano fissato un appuntamento. A chi si presenta invece in uniforme bisogna chiedere nome e cognome, numero di matricola e consigliamo di controllare se per strada è parcheggiata l’auto di servizio».



WsStaticBoxes WsStaticBoxes