Carla, a Thiesi un lavoro a tutta birra

L’azienda Isola ha affidato i suoi prodotti alla competenza e al gusto di una giovane di Orroli

THIESI. Dal Sarcidano al Meilogu per produrre una birra tutta sarda. è la storia della trentasettenne Carla Orgiana, di Orroli: è lei, infatti, che decide gli equilibri e i sapori dei prodotti del birrificio artigianale Isola di Thiesi. Laureata in Scienze alimentari a Perugia e specializzata come mastro birraio all’Accademia delle professioni Dieffe, nel 2013 completa l’esperienza con la pratica in diversi birrifici artigianali sardi e nel novembre del 2017 inizia a collaborare con l’azienda di Thiesi, dove viene coadiuvata nella lavorazione dei prodotti da un giovane di origine calabrese, Ruben Servidio. Attualmente, Carla è la terza donna in Sardegna a potersi fregiare del titolo di mastro birraio.

«La mia esperienza con il birrificio Isola – spiega – inizia per caso nel 2017, dopo un incontro durante il Bosa Beer Fest con questo gruppo di imprenditori amanti della birra artigianale e da tempo inseriti nella distribuzione delle bevande. Al tempo lavoravo in Veneto, ma progettavo di ritornare presto nella mia isola natia, perciò accettare la proposta dei miei attuali titolari è stato facile». Thiesi, paese noto soprattutto per la produzione lattiero casearia, di recente si sta distinguendo anche nel settore delle birre artigianali grazie a questo birrificio che produce ogni anno 700 hl di diverse tipologie a bassa e alta fermentazione e birre speciali, tra le quali rientrano due etichette “prima Cotta” e “Fleur du Mal”, caratterizzate da affinamento in botte. «La maturazione in barrique – spiega Carla Orgiana – conferisce alla birra un aroma particolare dovuto sia all’interazione col legno, sia al marsala precedentemente contenuta nelle botti impiegate». La sua grande abilità nel realizzare birre equilibrate ha già all’attivo diversi successi nazionali: il Birrificio Isola ha, infatti, partecipato al Contest dedicato a gusto e artigianalità che si svolge a Riva del Garda,“Solobirra”, dove per due anni consecutivi, 20202/21 ha conquistato il podio per lo stile con la “Session Ipa” e la “Scotch Ale” e quest’anno si è riconfermata con la “Session Ipa”, la “Scotch Ale” e la “Black Ipa”. A livello internazionale, lo scorso marzo ha conquistato la medaglia d'argento al “Concours International de Lyon” con la “Coffee Stout”, una birra scura dai 4,7 gradi alcolici caratterizzata dall’aggiunta di caffè.

Una sfida vinta, una crescita rapida e ancora tanti sogni da realizzare. L’intera produzione delle birre si svolge all’interno di in un antico stabile situato in via Lamarmora a Thiesi divenuto il sito di brassaggio. Nell'ampia cantina sotterranea, dove un tempo si stagionavano i formaggi, sono state ricavate delle sale dedicate a momenti di degustazione e feste private ma che in futuro accoglieranno un pub dove il prodotto potrà essere degustato direttamente. Dopo gli importanti successi come dipendente, ora il sogno nel cassetto di Carla è aprire un’attività tutta sua: «In Sardegna da anni ci sono diverse realtà che producono ottime birre artigianali, a questo punto mi piacerebbe, prima o poi, riuscire ad aprire un birrificio tutto mio magari vicino al mio paese d’origine».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes