Il ritorno a casa di monsignor Angelo Becciu

Il cardinale due giorni a Pattada in occasione delle celebrazioni di Santa Sabina, patrona del paese

PATTADA. In occasione delle celebrazioni della patrona Santa Sabina, il cardinale Angelo Becciu ha fatto ritorno nel suo paese natale. Due giorni, ieri e sabato, per celebrare la festa più importante per i pattadesi, alla quale ancora una volta non ha voluto rinunciare.

Sabato pomeriggio AngeloBecciu, insieme ad altre autorità civili e religiose, ha inaugurato i nuovi locali di ministero pastorale, di fronte alla chiesa parrocchiale di Santa Sabina. Dopo il taglio del nastro inaugurale, il cardinale ha partecipato al dibattito sull’inaugurazione dei locali. Presenti il parroco di Pattada e direttore dell’ufficio diocesano dei Beni culturali Gianfranco Pala, il vescovo della diocesi di Ozieri Corrado Melis, il sindaco Angelo Sini e il direttore dei lavori Antioco Marongiu. L’incontro è stato moderato da Salvatore Multinu. Gli interventi di ristrutturazione hanno dato nuova vita ai locali come ha spiegato don Pala: «Grazie ai fondi Cei, che arrivano dalla generosità dei fedeli, abbiamo potuto riaprire i locali dell’ex cinema Santa Croce». E quei locali diventeranno presto un luogo di riferimento per tutta la comunità.

Nella giornata di ieri Angelo Becciu ha presieduto, come da tradizione, la messa solenne in onore della santa. Alla presenza del parroco don Pala, del vescovo di Ozieri Corrado Melis, del vescovo emerito Giovanni Dettori e dei sacerdoti del territorio, Becciu ha commentato le parole di Dio facendo un riferimento alla difficile situazione attuale ed esortando i fedeli a mantenere viva la speranza e a mostrare sempre un atteggiamento positivo: «Al di là delle limitazioni dovute al Covid e delle sofferenze che questa situazione ci arreca, continuiamo a mantenere la gioia nel nostro cuore».

Elena Corveddu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes