Ozieri diventa la Terra di cultura, natura e festival

Sino al 26 settembre un ricco calendario di convegni, recital, mostre e poesia Oggi un percorso naturalistico a Chilivani, domani il cammino di Sos Ortos 

OZIERI. Con l’evento introduttivo tenutosi ieri mattina nella pinacoteca Giuseppe Altana, ha preso il via a Ozieri il festival “Terra. Luogo del nostro abitare” organizzato dalla Fondazione Daga, che sino al 26 settembre animerà la città con convegni e simposi medici, scientifici, storici e culturali, recital, letture, concerti, mostre, appuntamenti sportivi (equitazione, ciclismo) dibattiti pubblici in diversi rioni storici, incontri con l’autore, itinerari urbani e botanici e tanto altro.

Un ricco programma di manifestazioni il cui programma era stato presentato in un evento introduttivo ad agosto e che è stato illustrato ieri del presidente della Fondazione Bruno Daga, che con il sindaco di Ozieri Marco Murgia e altre autorità e ospiti ha tagliato il nastro della manifestazione.

La pinacoteca Giuseppe Altana in via De Gasperi è una delle sedi dell’evento itinerante che avrà altre suggestive location come palazzo Costi-Garau, Bisarcio, il museo Alle Clarisse, il centro di equitazione e l’ex Incremento Ippico, il chiostro di San Francesco e altri luoghi sparsi per ogni angolo di Ozieri dal centro alla periferia, compresi i quartieri di San Nicola e Chilivani.

“Terra. Luogo del nostro abitare” sarà un grande contenitore di eventi, tra i quali la premiazione del concorso di poesia intitolato a Federico Garcia Lorca e il progetto “Mediterranea”, festival di promozione del territorio che si articolerà in percorsi urbani e naturalistici: ieri nel centro storico; oggi nella piana di Chilivani, a Bisarcio e nelle strutture del maneggio e dell’ippodromo; lunedì 20 lungo il cammino di Sos Ortos partendo dalla pinacoteca Altana; martedì 21 dalla zona di San Leonardo con discesa nel centro storico; giovedì 23 a San Nicola, dal ponte romano ai siti nuragici; venerdì 24 nel chiostro di San Francesco con simposi naturalistici a cura di Gianluca Iiriti e un percorso “Alla scoperta degli alberi dei viali e delle piazze di Ozieri”; domenica 26, ultimo giorno dell’evento, dalla chiesetta di Monserrato dalla quale è possibile ammirare un panorama mozzafiato su tutto il territorio.

Per prenotare la partecipazione ai percorsi di gruppo basta recarsi (sino a sabato 25) nel centro di coordinamento dell’evento situato nel palazzo Costi in via Vittorio Emanuele III (rione Sa Ena). Info disponibili sulla pagina Facebook dedicata all’evento.

WsStaticBoxes