Modas, al palazzo Baronale abbigliamento e tradizione

OSSI . Dopo un anno e mezzo di pausa forzata causata dall’emergenza sanitaria l’associazione culturale folkloristica “Santu Bertulu” di Ossi, grazie al contributo della Regione e al patrocinio del...

OSSI . Dopo un anno e mezzo di pausa forzata causata dall’emergenza sanitaria l’associazione culturale folkloristica “Santu Bertulu” di Ossi, grazie al contributo della Regione e al patrocinio del Comune di Ossi e dell’Unione dei Comuni del Coros, riprende il suo cammino culturale con la quarta edizione di “Modas, abbigliamento tradizionale di Sardegna”, la mostra etnografica nata nel 2017, ideata e curata da questa associazione per far conoscere agli appassionati, ai ricercatori e agli studiosi di abbigliamento tradizionale le peculiarità del percorso evolutivo del costume di Ossi ma anche di quello di altri centri dell’isola come Ittiri, Florinas, Codrongianos, Ploaghe, Ozieri, Thiesi, Silanus, Busachi, Meana, Nuoro, Siniscola, Villasor, Selargius e Gonnesa.

La mostra è molto apprezzata per la cura nell’esposizione e la scelta di manufatti antichi, vecchi o di recente fattura ma che rispecchino il più fedelmente possibile i capi originali. Quest’anno la location sarà di alto livello storico perché l’allestimento della mostra si terrà all’interno di una delle sale del palazzo Baronale di Ossi, edificio seicentesco e tappa dei moti antifeudali. Alla mostra prenderanno parte anche i centri di Maracalagonis con l’associazione “Nostra Sennor ‘e Itri”, Cabras, a cura di Giuseppe Angelo Camedda e Osilo, a cura di Gianmario Demartis. L’inaugurazione si terrà il domani alle 16 e la mostra resterà aperta sino alle 20.30.

Domenica invece sarà visitabile dalle 8 alle 12.30 e il pomeriggio dalle 15 alle 20. Sulla base delle misure di sicurezza e di contenimento sars-cov-2 l’accesso alla mostra avverrà solo con il green pass o con un certificato di tampone molecolare eseguito entro le 48 ore. Mauro Tedde



WsStaticBoxes WsStaticBoxes