Dalla Regione 200mila euro alle aziende distrutte dalle fiamme

SASSARI. Un’altra boccata d’ossigeno per chi in un solo giorno ha perso tutto e sta tentando di ripartire da zero. La Regione ha accolto gli emendamenti proposti dal Movimento Cinque Stelle all’intern...

SASSARI. Un’altra boccata d’ossigeno per chi in un solo giorno ha perso tutto e sta tentando di ripartire da zero. La Regione ha accolto gli emendamenti proposti dal Movimento Cinque Stelle all’interno della legge Omnibus e stanzierà 200mila euro a favore delle aziende distrutte dall’incendio di Predda Niedda divampato il 22 settembre. Si tratta di un sostegno assolutamente vitale per chi al momento non avrebbe risorse per poter riacquistare i macchinari e prendere in affitto un locale, in modo da riavviare la propria attività. Infatti l’assicurazione, prima di avviare le eventuali pratiche di risarcimento dei danni, ha bisogno di avere le relazioni tecniche, compresa quella dei vigili del fuoco. Ancora l’intera zona è posta sotto sequestro, e non si conoscono dunque i tempi della magistratura. Ecco perché avere della liquidità diventa essenziale per i titolari delle aziende distrutte, dal momento che gli consente di rigettare almeno le basi e magari non licenziare tutto il personale.

Un aiuto importante intanto è arrivato dai crowfunding, cioè dalle raccolte fondi su Internet. Grazie a questi sostegni la cereria, le lavanderie, il wedding planner, la rivendita di pneumatici sono riusciti ad avviare almeno una parte della produzione. O perlomeno a cercare una nuova sede dalla quale ripartire.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes