La Nuova Sardegna

Sassari

Litorale

Lido di Sorso, via libera della giunta nuovo look per lo stabilimento

di Salvatore Santoni
Lido di Sorso, via libera della giunta nuovo look per lo stabilimento

Il progetto: più pergole e una ridistribuzione delle strutture e servizi

22 gennaio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Sorso Nuovo look in vista per il Lido di Sorso. Nei giorni scorsi la giunta comunale, guidata dal sindaco Fabrizio Demelas, ha valutato positivamente la proposta di riqualificazione presentata dall’imprenditore Antonello Zappino.

Il progetto, realizzato dal geometra sorsense Gian Nicola Fini, prevede la demolizione di alcune strutture di servizio vetuste come spogliatoi e servizi igienici e la successiva ricostruzione, così da riordinare gli spazi del compendio in vista della prossima stagione balneare.

L’area di intervento riguarda praticamente tutto il compendio meno il ristorante e la pergola annessa. In particolare, la proposta prevede di realizzare una nuova pavimentazione in legno composito che verrà posata sopra agli attuali blocchi in calcestruzzo. Verrà demolito il gabbiotto che fungeva da pizzeria – sulla sinistra dell’ingresso principale – per essere riposizionato in aderenza alle cucine del ristorante, così da creare due ambienti comunicanti tra loro. Inoltre, sarà realizzato un nuovo bancone mescita sul lato della struttura che costeggia la spiaggia.

E ancora, uno dei due blocchi bagni esistenti verrà destinato una parte alla sorveglianza del locale, e l’altra al personale di servizio. Una parte degli spogliatoi verrà adibita a locale deposito, mentre gli altri saranno ricostruiti in aderenza al blocco bagni che si trovano sul lato del parcheggio. Infine, attorno all’area del ristorante verranno installate una serie di nuove pergole.

Con la delibera numero 5 del 17 gennaio 2023, l’esecutivo guidato dal sindaco Fabrizio Demelas ha dato un via libera preliminare alla proposta di modifica del lido presentata dalla D.S. Srls, dell’imprenditore Antonello Zappino.

L’esecutivo di piazza Garibaldi ha inoltre deciso che, una volta portata a termine la procedura amministrativa da parte degli uffici competenti, la pratica dovrà ritornare indietro per l’approvazione definitiva. Sarà necessario sottoscrivere una convenzione che regoli i rapporti, anche patrimoniali, con la ditta di Zappino.

Infine, la giunta ha dato mandato al servizio patrimonio di verificare l’eventuale rideterminazione del nuovo canone di locazione inizialmente pattuito con la ditta.

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative