La Nuova Sardegna

Sassari

Stop al carbone

Transizione energetica a Fiume Santo: ecco il progetto di Ep Produzioni per la centrale termoelettrica


	La simulazione del sito riconvertito di Fiume Santo
La simulazione del sito riconvertito di Fiume Santo

Nella sede di Confindustria centro nord Sardegna presentato il progetto da un miliardo di euro per riconvertire l’impianto attualmente alimentato da energia fossile

24 marzo 2023
1 MINUTI DI LETTURA





Sassari Energia da fonti rinnovabili a Fiume Santo al posto del carbone. E’ il progetto illustrato oggi 24 marzo a Sassari nella sede di Confindustria centro nord Sardegna per garantire la sicurezza energetica del territorio anche dopo la dismissione del carbone che attualmente alimenta la centrale termoelettrica di EP Produzione. Fiume Santo Energy Park è il concept di progetto, EP Produzione propone di implementare un mix energetico integrato ed equilibrato di energia rinnovabile (fotovoltaico onshore e offshore, batterie, idrogeno e biomasse) e a basso impatto ambientale (gas naturale), fino ad una potenza totale di 1.000 MW, che potranno contribuire al percorso verso una transizione energetica sostenibile, in linea con gli obiettivi europei per energia e clima. Il progetto comporta complessivamente fino a 1 miliardo di euro di investimenti e rappresenta un’opportunità per il rilancio dell’economia della Sardegna con benefici anche sui livelli occupazionali: verranno infatti creati fino a circa 600 nuovi posti di lavoro altamente qualificati nelle fasi di realizzazione del progetto e fino a 300 addetti per il funzionamento degli impianti. «La centrale termoelettrica di Fiume Santo rappresenta una delle più importanti realtà produttive dell’isola – è scritto nella nota stampa - è considerata essenziale per la stabilità della rete nazionale. Le soluzioni tecnologie proposte permetteranno di riqualificare l’area di Fiume Santo senza l’utilizzo di spazi aggiuntivi».

In Primo Piano
L’emergenza

Campagne invase dai cinghiali: agricoltori sul piede di guerra

di Salvatore Santoni
Le nostre iniziative