La Nuova Sardegna

Sassari

Funghi

A Sassari e Ozieri i controlli gratuiti della Asl sui funghi raccolti


	Un esemplare di&nbsp;<em>Amanita muscaria</em>, fungo velenoso
Un esemplare di Amanita muscaria, fungo velenoso

Aprono gli ispettorati micologici

04 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Con le prime piogge, comincia nelle campagne della Sardegna la stagione della raccolta dei funghi e la Asl di Sassari apre gli ispettorati micologici di Sassari e Ozieri.

Sassari: La struttura si trova al piano terra della Palazzina B di via Rizzeddu. Orario: lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 12.00 alle 13.30 Tel. 079/2062889 -  348/5455906.

Ozieri: la struttura si trova in località San Nicola, presso il dipartimento di prevenzione. Tel. 079 785300/09 - 347/3779432

​​​​​​La Asl di Sassari mette a disposizione della popolazione del Nord Ovest della Sardegna un esperto per fare una cernita dei funghi: con l’arrivo delle piogge e l’inizio della stagione autunnale l’Asl di Sassari garantisce agli utenti l’Ispettorato micologico, in grado di classificare i funghi raccolti e destinati all’autoconsumo.

L’Ispettorato Micologico si colloca all’interno del Dipartimento di Prevenzione, nel Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione e garantisce attività di prevenzione, controllo e certificazione di commestibilità dei funghi freschi spontanei destinati all'autoconsumo dei cittadini ma anche di quelli destinati alla vendita o alla somministrazione negli esercizi di ristorazione e gastronomia.

Lo Sportello micologico è a disposizione dei ristoratori e dei commercianti per eventuali consulenze e certificazione, previa prenotazione.

Il consiglio degli esperti “È utile ricordare che le intossicazioni da funghi, che purtroppo ogni anno si verificano numerose, sono causate da funghi non controllati, pertanto si invitano quanti abitualmente od occasionalmente consumano funghi spontanei, raccolti personalmente o avuti in regalo, a rivolgersi all’Ispettorato, dove i Micologi effettueranno il controllo gratuito dei funghi destinati all’autoconsumo, che risulta importante non solo per la determinazione delle specie raccolte, ma anche per i consigli sul trattamento o la preparazione dei funghi stessi".

“Infatti alcune specie vanno consumate con un trattamento di prebollitura, per altre è necessaria una cottura prolungata, altre ancora si consumano previa asportazione del gambo o della cuticola. Si sottolinea che i funghi, ancorché commestibili, devono essere consumati esclusivamente previa cottura, in modiche quantità ed evitando il consumo in più pasti consecutivi, anche per via della scarsa digeribilità di alcune delle sostanze che li compongono”.

Tra le competenze dell’Ispettorato, riveste notevole importanza anche il controllo e la certificazione sanitaria dei funghi spontanei destinati alla vendita o alla somministrazione (obbligatoria per Legge); si invitano pertanto gli esercenti (venditori al dettaglio, ristoratori, operatori di agriturismo) a richiedere la certificazione di commestibilità dei funghi spontanei.

Le attività di competenza dell’ispettorato vengono comunque garantite dagli esperti micologi, anche in altri periodi e fuori dagli orari di sportello, previo appuntamento telefonico.

In Primo Piano
L’allarme

Grosso incendio tra Riola Sardo e San Vero Milis: a fuoco terreni da pascolo e macchia mediterranea

Video

Impianti fotovoltaici in Sardegna: varata la norma che stabilisce i limiti nelle installazioni per i prossimi 18 mesi

Le nostre iniziative