La Nuova Sardegna

Sassari

L’evento

Il ministro della Cultura incontra gli studenti alla Nuova: «Scegliete un obiettivo e credeteci fino in fondo»

di Davide Pinna
Il ministro della Cultura incontra gli studenti alla Nuova: «Scegliete un obiettivo e credeteci fino in fondo»

Gennaro Sangiuliano ha risposto alle domande dei ragazzi del progetto La Nuova @ Scuola e ha dialogato con i direttori Giacomo Bedeschi e Cristiano Meoni

10 gennaio 2024
4 MINUTI DI LETTURA





Sassari «Fissatevi un obiettivo e credeteci fino in fondo». Si è concluso con questo messaggio, l'incontro fra il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano e i giovani studenti della redazione della Nuova @ Scuola, nella sede della Nuova Sardegna. Dopo i saluti del presidente di Sae e Sae Sardegna, Alberto Leonardis, Sangiuliano ha dialogato con i direttori Giacomo Bedeschi, della Nuova Sardegna, e Cristiano Meoni, alla guida di Gazzetta di Reggio, Gazzetta di Modena e Carpi e La Nuova Ferrara.

«Abbiamo imparato ad apprezzare il ministro per il suo dinamismo e per la volontà di considerare i musei un asset strategico per il nostro Paese - ha affermato, il presidente del gruppo Sae, Alberto Leonardis -. L’impegno del nostro gruppo editoriale non è solo quello di raccontare i fatti, ma di stare dentro la società, per esempio dando voce ai giovani studenti come facciamo con il progetto La Nuova @ Scuola».

«Da giornalista, mi sento un po’ a casa» ha affermato Gennaro Sangiuliano prima di cominciare a rispondere alle domande dei direttori Giacomo Bedeschi e Cristiano Meoni. «L’Italia ha due pilastri: l’impresa, ossia la capacità di trasformare le materie prime, e la cultura. E da quest’ultimo punto di vista, siamo una vera e propria superpotenza. Lo avevano capito anche i Padri costituenti, dato che l’articolo 9 dice che i beni culturali non vanno solo tutelati, ma anche valorizzati». 

Il ministro ha dedicato un pensiero a uno dei principali tesori archeologici dell’isola: «I giganti di Mont’e Prama hanno una storia che può far sognare i viaggiatori, ma hanno bisogno della giusta valorizzazione. Così come ho fatto a Milano, per l’ampliamento della Pinacoteca di Brera, sono capace di venire una volta al mese in Sardegna per verificare che si faccia quel che si deve fare».

A giugno si svolgeranno le celebrazioni per i 40 anni dalla morte del segretario del Pci e sassarese Enrico Berlinguer: «Da poco il Ministero ha avviato l’esproprio della villa del grande compositore Giuseppe Verdi, che diventerà un museo – ha ricordato Giacomo Bedeschi -. Ecco, qui c’è la casa di Berlinguer che non è messa proprio benissimo. Si può fare qualcosa?»

«Nonostante le diverse storie politiche, ho grande stima di Enrico Berlinguer – ha replicato Sangiuliano -. Nel 2022, il Tg2 da me diretto fu l’unico telegiornale a dedicare uno speciale in prima serata dedicato alla sua figura nel centenario della nascita. Ora, prenderò le informazioni necessarie anche sulla sua casa natale e mi metterò al lavoro».

Il ministro ha ricordato l'impegno del governo nel trasformare la cultura in un asset strategico da valorizzare, prestando attenzione sia ai luoghi più iconici che a quelli meno conosciuti, attraverso apposite campagne di comunicazione. «I musei devono aprire le loro porte sempre più spesso, ma al giusto valore. Siamo fra i più generosi in Europa, con aperture gratuite la prima domenica di ogni mese e in occasione di tre importanti ricorrenze, il 25 Aprile, il 2 Giugno e il 4 Novembre. Fino a 18 anni non si paga, da 18 a 25 anni i biglietti costano solo 2 euro e stiamo lavorando per creare una tessera che consenta ai pensionati di entrare in tutti i musei. La sperimentazione del Pantheon, dove l’ingresso gratuito è stato sostituito da un biglietto da 5 euro, è stata un successo e dimostra l'importanza di queste scelte» ha affermato Sangiuliano che ha poi ricordato: «La commissione europea ha riconosciuto che l'Italia è il Paese che sta spendendo meglio le risorse Pnrr destinate alla cultura».

Il ministro Sangiuliano ha poi sottolineato alcuni risultati: «Sono molto orgoglioso di aver impedito che Venezia venisse inserita nella lista del patrimonio culturale a rischio, nonostante ci fossero tanti italiani che remavano contro. E da poco è stato inserito nell’elenco del patrimonio immateriale dell’umanità Unesco il canto lirico italiano. Ora, stiamo lavorando per fare in modo che faccia ingresso anche la cucina italiana: non è possibile che siano patrimonio dell’umanità la cucina francese e quella coreana e non quella italiana»

Il ministro ha risposto alle domande dei giovani studenti che partecipano al progetto La Nuvoa @ Scuola, nato in Sardegna sette anni fa e cresciuto adesso anche nelle altre testate del gruppo Sae. In conclusione, l'annuncio di una novità: La Nuova @ Scuola sbarca all'Università e in Europa, grazie alla collaborazione con la fondazione GaragErasmus. «Sarà il primo giornale on line in Europa dedicato all'Erasmus» ha affermato il presidente di Sae Leonardis.

Elezioni regionali 2024
Il voto

Elezioni regionali, i dati sull’affluenza alle 12: 18,4 per cento

Le nostre iniziative