La Nuova Sardegna

Sassari

Tribunale

Marinaio morì al largo di Porto Torres, ribaltata in appello la sentenza di condanna

di Nadia Cossu

	I soccorritori a bordo del cargo 
I soccorritori a bordo del cargo 

Il comandante del cargo e il primo ufficiale sono stati assolti dall’accusa di omicidio colposo. In primo grado erano stati condannati a 1 anno e 4 mesi. Nessun risarcimento alla famiglia della vittima

26 marzo 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Sassari Imputati assolti dal reato più grave e nessun risarcimento per i familiari delle vittime e per due marinai rimasti feriti. 

È stata ribaltata oggi 26 marzo 2024 in corte d'appello la sentenza di primo grado con la quale erano stati condannati il comandante del cargo Euroferry Malta, Yvanov Tihomir, e il primo ufficiale di coperta, Nikolay Rumenov Atanaso, accusati di omicidio colposo per la morte del marinaio bulgaro di 24 anni, Yordanov Denislav Ivlaylov, vittima di un incidente a bordo, avvenuto il 7 ottobre 2019, mentre la nave era al largo di Porto Torres

In primo grado i due imputati erano stati condannati a 1 anno e 4 mesi di reclusione, più una provvisionale di 60mila euro sia per omicidio colposo che per lesioni nei confronti di due marinai che erano rimasti feriti.

Oltre a una serie di violazioni delle norme relative alla sicurezza sul lavoro. La procuratrice generale Roberta Pischedda aveva chiesto la conferma della condanna che è arrivata però solo per le imputazioni minori, mentre per l'omicidio colposo la corte d'appello ha disposto l'assoluzione.

Nessun risarcimento alle parti civili.

Il lutto

Tragedia sulla Alghero-Bosa, ecco chi erano Riccardo Delrio e Gianluca Valleriani

Le nostre iniziative