La Nuova Sardegna

Sport

il trionfo giallorosso

L’Atletico Uri in Promozione riparte dal decano Muroni

L’Atletico Uri in Promozione riparte dal decano Muroni

URI. L’impresa storica dell’Atletico Uri rimarrà cucita per lungo tempo nella memoria di tutti. La società giallorossa dopo un campionato superlativo approda per la prima volta nella sua lunga e...

26 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





URI. L’impresa storica dell’Atletico Uri rimarrà cucita per lungo tempo nella memoria di tutti. La società giallorossa dopo un campionato superlativo approda per la prima volta nella sua lunga e onorata carriera nel campionato di Promozione. Un traguardo fortemente voluto che si è concretizzato dopo una lunga cavalcata. Un premio meritato, frutto di una programmazione seria da parte di una società capace e competente che durante la scorsa estate aveva fissato l’obiettivo di portare la squadra di un paese di tremila abitanti nel giro del calcio sardo che conta. La prima mossa è stata la scelta dell’allenatore: occorreva un personaggio di elevato spessore, competente ed esperto, e si è puntato sul decano del calcio sardo Giovanni Muroni. La scelta si è rivelata vincente. Questo primo passo ha permesso di allestire una squadra capace di fare la differenza con uomini di esperienza e forte personalità, fra tutti il bomber Antonio Borrotzu che col capitano Giovanni Cuccu, beniamino della tifoseria locale, urese doc, ha formato un duo di diamante in zona d’attacco. A loro si è aggiunto l’esperto Alessandro Piras,l faro del centrocampo, un lusso per la categoria. Il che non sminuisce il valore di una squadra in cui ognuno ha fatto la propria parte.

«E’ stata quasi una scommessa – dice Giovanni Muroni, 77 anni e un entusiasmo da vendere –. Quando i tre dirigenti, Gavino Satta, Antonello Mura e Tore Ardu, mi hanno contattato, da subito mi hanno prospettato l’idea di portare l’Atletico in Promozione. Il lavoro e la serietà del club è stato premiato. Il merito è da dividere fra tutte le componenti, nessuna esclusa. L’allenatore serve per dare le indicazioni utili per il raggiungimento degli obiettivi, ma dietro c’è una società che ha messo a disposizione di tecnici e giocatori le condizioni favorevoli che ci hanno permesso di lavorare con tranquillità». Si riparte quindi da Giovanni Muroni? Ebbene si, sarà ancora lui in Promozione il condottiero della corazzata giallorossa.

Franco Cuccuru

In Primo Piano
Il caso

Siniscola, Giovanni Bomboi dopo gli spari al Consorzio: «Ero esasperato, sono pentito. Non volevo ferire nessuno»

di Sergio Secci
Le nostre iniziative