La Nuova Sardegna

Sport

Il Latte Dolce non sfonda all’Ostiamare basta un gol

di Sandra Usai
Il Latte Dolce non sfonda all’Ostiamare basta un gol

Serie D, i sassaresi ci provano fino alla fine ma escono sconfitti dal “Vanni Sanna” Classifica sempre più preoccupante per i biancocelesti del presidente Fresu

09 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





SASSARI. I piani di riscatto falliscono ancora per il Latte Dolce, battuto anche dall'Ostia a cui basta poco per fare bottino pieno. I sassaresi invece si fanno apprezzare per impegno e possesso palla, ma nel calcio vince chi la butta dentro e se poi ci si fa prendere d'infilata, come succede in avvio di ripresa, si finisce anche per perdere. Mister Scotto recupera Marcangeli a tempo pieno ma perde per squalifica Patacchiola, che va ad aggiungersi nell'elenco degli assenti agli infortunati di lungo corso Tedde e Palombi. Il campo pesante ostacola il fraseggio ma il Latte Dolce resta fedele alla sua identità tecnica e ci prova, costruendo l'occasione per passare con Piga. Il tiro da fuori del giovane centrocampista al 12' è deviato con un grande balzo da Trovato, poi emerge la solita scarsa incisività anche se il dominio territoriale è netto. L'Ostia è pericolosa in ripartenza, ma poco dopo è la squadra di casa a sfiorare il vantaggio, non trovando però il tocco decisivo.

Il secondo tempo prende subito la piega sbagliata, al 5' un lungo lancio pesca Lorusso che va via a Cabeccia, Carboni non è tempestivo nell'uscita e si materializza l'incubo con gli avversari in gol. Marcangeli al 9' potrebbe pareggiare, ma il suo rasoterra sibila fuori di poco, e ci riprova di testa al 26', poi tocca a Carboni sventare sulla conclusione angolata di Bertoldi. Gli assalti biancocelesti mancano di lucidità e concretezza, Bilea in chiusura si fa cacciare per doppio giallo e Gardini, tecnico dei romani, può lasciare il "Sanna" vittorioso, cosa che non gli era mai riuscita quando era alla guida della Torres.

In Primo Piano
La tragedia

Assemini, Simone Furia Calledda muore investito dal collega – VIDEO

Sardegna

Il prefetto Giancarlo Dionisi va a Livorno: "Il mio cuore resta a Nuoro e in Sardegna"

Le nostre iniziative