La Nuova Sardegna

Sport

Calcio

Il presidente dell’Olbia apre alla cessione del club

Il presidente dell’Olbia apre alla cessione del club

Alessandro Marino valuterà le proposte di acquisizione della società

28 aprile 2023
2 MINUTI DI LETTURA





OlbiaLa bomba è stata lanciata. L'Olbia non fa in tempo a festeggiare la salvezza raggiunta e una conclusione di stagione serena che deve fare i conti con la notizia choc: Alessandro Marino apre alla cessione del club. La news è arrivata attraverso le parole del direttore interessato. Il presidente dei bianchi, prima di tutto, si è complimentato per il campionato portato avanti da Occhiuzzi, Ragatzu e co. «Voglio fare pubblicamente i complimenti alla squadra, al mister, allo staff e al direttore per come in questa stagione hanno saputo reagire alle difficoltà e alla tanta sfortuna disputando un girone di ritorno importante — così Marino — Gli stessi complimenti intendo rivolgerli ai dipendenti della società per il prezioso apporto, ai miei soci e anche a me stesso perché tutti insieme, ancora una volta, abbiamo dimostrato di saper programmare con lungimiranza, prendendo e difendendo decisioni nell'interesse e per la crescita dell’Olbia che, per l’ottavo anno consecutivo, avrà l’opportunità di misurarsi alla pari con piazze e città di grande livello».

Poi la parte clou, dove apre all'ipotesi di fare un passo indietro: «Allo stesso modo intendo comunicare che in questi mesi ho maturato alcune riflessioni che riguardano il futuro di questa società. La passione e la responsabilità sono e sempre saranno le mie stelle polari, ma durante questa ultima stagione qualcosa si è rotto, per cui in questo momento, per coerenza e rispetto, devo evidenziare che nulla è più dovuto a prescindere e a ogni prezzo — Marino in proposito — Nelle settimane che ci separano dall’iscrizione al prossimo campionato porterò avanti, come sempre fatto in questi anni, le attività di gestione aziendale ma al contempo ascolterò, valutandone attentamente la serietà, le proposte di acquisizione del club».

In Primo Piano
Scuola

L'assessora Ilaria Portas: «Niente smartphone in classe, ma la decisione va spiegata»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative