La Nuova Sardegna

Sport

Il 2 ottobre

Violenze tra tifoserie: daspo dai 2 ai 5 anni per gli ultras cagliaritani in trasferta a Firenze


	Un momento della partita del 2 ottobre Fiorentina-Cagliari 
Un momento della partita del 2 ottobre Fiorentina-Cagliari 

I primi venti provvedimenti firmati dal questore toscano. Le persone identificate vanno dai 20 ai 56 anni

11 ottobre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Divieto di accedere ai luoghi dove si svolgono incontri di calcio relativi ai campionati nazionali professionisti e dilettanti, ai tornei internazionali, ai tornei amichevoli, alle partite della nazionale italiana di calcio, che verranno disputate sul territorio nazionale, nonché su quello degli altri stati appartenenti all'Unione Europea: è quanto disposto, per periodi che vanno dai due ai cinque anni, nei primi 20 Daspo firmati dal questore di Firenze, Maurizio Auriemma, ed elaborati dalla Divisione Polizia Anticrimine, nei confronti di altrettanti tifosi cagliaritani, di età compresa tra i 20 e i 56 anni, identificati e denunciati dalla Polizia di Stato per rissa in occasione di manifestazioni sportive, a seguito degli episodi avvenuti lo scorso 2 ottobre a Firenze in prossimità dello stadio fiorentino 'Artemio Franchi'.

Quella sera, secondo quanto ricostruito dalla Squadra Tifoserie della Digos fiorentina, poco prima delle 20, un gruppo di circa 40 tifosi del Cagliari, avrebbero improvvisato un corteo in Viale dei Mille, direzione stadio, scandendo dei cori provocatori nei confronti dei supporter viola. Proprio questi cori sarebbero stati recepiti da un gruppo di circa 50 ultras viola che avrebbero quindi raggiunto la fazione opposta. A questo punto un centinaio di persone avrebbero innescato una violentissima rissa, affrontandosi con colpi di cinghia, lancio di torce luminose ed altri oggetti contundenti, tra i quali transenne stradali, carrelli espositori del supermercato, con relative merci esposte e pietre rinvenute in terra. Le forze di polizia sono immediatamente intervenute, facendo desistere le due tifoserie e riportando rapidamente la situazione alla calma. 

In Primo Piano
Politica

Sassari, il primo discorso di Giuseppe Mascia: «È venuto il momento della responsabilità: le priorità sono lavoro e salute»

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative