La Nuova Sardegna

Sport

Calcio Serie A

Claudio Ranieri presenta la gara tra il suo Cagliari e l’Empoli: «Dobbiamo vincere, ma non sarà facile»

di Enrico Gaviano
Claudio Ranieri presenta la gara tra il suo Cagliari e  l’Empoli: «Dobbiamo vincere, ma non sarà facile»

L’allenatore rossoblù punta dritto sulla partita casalinga di sabato, importantissima per la salvezza

28 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Claudio Ranieri non si nasconde. L’allenatore del Cagliari nella conferenza stampa che si è tenuta a Palazzo Tirso, uno dei partner della società, ha puntato dritto sulla partita di sabato. «Cagliari-Empoli è un’occasione importante per entrambe le squadre. Sì, giochiamo in casa, e dobbiamo sfruttare al massimo il nostro campo e i tifosi che ci spingeranno parecchio per cercare di ottenere la vittoria».

C’è grande affetto da parte dei tifosi verso la squadra, come dimostrato dalla presenza massiccia nell’allenamento a porte aperte di mercoledì. «I tifosi hanno capito che abbiamo bisogno del loro sostegno. E così hanno potuto vedere anche come la squadra si allena, con forza, impegno e grande volontà. Succede sempre, anche quando non c’è nessuno a guardare, per questo sono molto ottimista sul nostro futuro».

Però l’Empoli non sembra un cliente facile. «Loro giocheranno alla morte, come se avessero davanti l’Inter o la Juventus. Pressano alti, vanno a caccia del pallone, giocano di rimessa, fanno fallo. Insomma una squadra rognosa che Andreazzoli allena alla grande. Ma noi dobbiamo vincere, questo l’obiettivo da centrare».

A disposizione quasi tutti gli effettivi, a parte Shomurodov, lo squalificato Makoumbou e gli infortunati di lungo corso Rog e Capradossi. «Sì, stanno tutti bene e speriamo che sia così sino a sabato. Ha recuperato anche Mancosu che ora è al cento per cento e può essere utilizzato in qualsiasi momento».

Un passo indietro a Verona. «Abbiamo perso una grossa occasione - riflette Ranieri -. Perché nel primo tempo non abbiamo sfruttato le occasioni e poi abbiamo sbagliato nel momento dell’espulsione di Makoumbou. Subito dopo il loro gol e a quel punto si è fatta dura risalire la china».

L’Empoli segna poco, forse è l’occasione migliore per riuscire nuovamente a mantenere la porta inviolata. «Noi ci proviamo sempre, ma credetemi, non sarà facile. Loro creano molte occasioni. Insomma ci sarà da lavorare per Scuffet».

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative