Dopo Venezia tutti in sala

Dalla bolla del festival alla ricerca del pubblico delle sale. Calato il sipario sulla Mostra di Venezia si alza quello delle sale pronte ad affrontare una nuova stagione cinematografica con l’avvicin...

Dalla bolla del festival alla ricerca del pubblico delle sale. Calato il sipario sulla Mostra di Venezia si alza quello delle sale pronte ad affrontare una nuova stagione cinematografica con l’avvicinarsi della fine dell’estate. Tra la speranza di una vera ripartenza dopo mesi così difficili per il settore e il timore che l’onda lunga della pandemia continui a far sentire pesantemente i suoi effetti sul botteghino. Per cercare di ricucire il rapporto con gli spettatori, cercando di vincere la concorrenza delle varie piattaforme che portano nelle case degli abbonati un’offerta sempre più ricca di film, le opere presentate in anteprima a Venezia giocano sicuramente un ruolo importante. Già in sala, da qualche giorno, è uno dei lungometraggi più apprezzati dal pubblico cinefilo del Lido e anche per molti critici rimasto ingiustamente fuori dal palmares: “Qui rido io” di Mario Martone, con protagonista Toni Servillo nei panni di un maestro dell’arte teatrale napoletana qual è stato Eduardo Scarpetta. Ma se c’è un film sul quale puntano gli esercenti per riportare il grande pubblico al cinema questo è sicuramente “Dune” che è stato tra gli eventi principali di Venezia. Diretto dall’apprezzato Denis Villeneuve presenta un cast di stelle come Timothée Chalamet, Zendaya, Rebecca Ferguson, Oscar Isaac, Josh Brolin, Stellan Skarsgard, Jason Momoa, Javier Bardem e Charlotte Rampling. Il film porta sullo schermo solo la prima parte dell’omonimo romanzo di fantascienza scritto da Frank Herbert (come aveva già fatto David Lynch a metà degli anni Ottanta), ma la Warner Bros che lo produce punta già a un seguito, sperando che questo primo capitolo non sia un flop al box office. Da giovedì 16 settembre in tutte le sale italiane.

Da un romanzo è tratto anche “La scuola cattolica”, adattamento del libro di Edoardo Albinati vincitore cinque anni fa del Premio Strega, che il regista Stefano Mordini ha presentato al Lido fuori concorso e che arriverà nelle sale il 7 ottobre. La rievocazione del massacro del Circeo avvenuto nel 1975 con un bel cast composto tra gli altri da Fabrizio Gifuni, Valentina Cervi, Valeria Golino, Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca, Benedetta Porcaroli. Sempre fuori concorso sono passati altri due film che debutteranno al cinema la settimana successiva, il 14 ottobre: “The Last Duel” di Ridley Scott - con interpreti principali Matt Damon, Adam Driver, Jodie Comer e Ben Affleck – e “Ariaferma”, il lungometraggio di Leonardo Di Costanzo girato nell’ex carcere di San Sebastiano a Sassari con Toni Servillo e Silvio Orlando. Riguarda da vicino la Sardegna anche il documentario “DeAndré#De André – Storia di un impiegato”, presentato in anteprima a Venezia, che approderà nelle sale per tre giorni dal 25 al 27 ottobre. Nella stessa settimana l’uscita del giovedì più attesa è quella di “Freaks Out” di Gabriele Mainetti, tra gli italiani in concorso nella 78esima edizione della Mostra. Ma ovviamente oltre ai film transitati per il Lido ci sono altri lungometraggi attesi che stanno per arrivare nei cinema. Tra questi “Space Jam: New Legends”, sequel con protagonista LeBron James del cult con Michael Jordan, e i Looney Tunes, uscito 25 anni fa. Il suo viaggio nelle sale italiane comincerà il 23 settembre, così come quello del nuovo film di Nanni Moretti: “Tre piani”, passato per il festival di Cannes. Per gli appassionati della saga di James Bond da ricordare che dal 30 settembre si potrà vedere sul grande schermo “No Time to Die”, con 007 ancora una volta interpretato da Daniel Craig. Per quanto riguarda il cinema sardo da segnalare l’uscita, il 21 ottobre, di “I giganti” del sassarese Bonifacio Angius.

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes