La Nuova Sardegna

Musica

Norberto Scardovi, dal rock al coro in parrocchia alla finale di “The Voice” in Lituania

di Serena Lullia

	Norberto Scardovi e Tekle Baroti sono in finale 
Norberto Scardovi e Tekle Baroti sono in finale 

Il musicista di Olbia, in coppia con Tekle Baroti, si esibirà il 12 maggio nel programma nazionale

07 maggio 2024
4 MINUTI DI LETTURA





Sassari  La sua è una voce che fa vibrare l’anima e gonfia il cuore di emozioni. Il talento di Norberto Scardovi, 49enne figlio di Olbia e Porto Cervo, non è sfuggito ai giudici del “The Voice Lituania –Lietuvos Balsas” che lo hanno voluto nel programma musicale. E nemmeno al pubblico che lo ha votato consegnandogli il biglietto per la finale del 12 maggio. La vocalità di Norberto si fonde alla perfezione con quella della sua partner musicale, Tekle Baroti, attrice, nota per aver partecipato al film Maleficent 2Un mix strepitoso anche se nato per caso. Il format scelto quest’anno è infatti “The voice generation”, riservato a band, gruppi e coppie di qualsiasi età. Norberto e Tekle si erano presentati come solisti. 

«Vivo in pianta stabile in Lituania da qualche anno – racconta  il musicista –  dove ci sono la mia compagna e mio figlio. Negli ultimi venti anni mi sono sempre occupato di musica. Quando sono arrivato qui, grazie alla mia compagna, ho iniziato subito a suonare in alcuni locali. E devo dire la verità, non mi aspettavo una risposta di pubblico così grande. Avevo sentito che l’idioma e la musica italiana piacciono, che molti lituani studiano italiano e lo parlano. Mi sono trovato a suonare nei locali da subito ogni fine settimana durante l’inverno, e d’estate, da giugno a settembre, praticamente tutti i giorni. Per adesso faccio il musicista solista, ancora non sono riuscito a mettere su un gruppo ma ci sto lavorando». E proprio dal suo pubblico che è arrivato il suggerimento di portare la sua voce in tv. «Non ne ero molto convinto – aggiunge -. Poi un pomeriggio d’estate ho mandato un provino al Lietuvos Balsas, la Voce della Lituania. Anche se mi presentavo come solista la produzione mi ha fatto il provino spiegandomi però che, per quest’anno il format era il generation, riservato solo ai gruppi, e per quello da solista avrei dovuto aspettare un anno. A meno che non accettassi di duettare con un’altra cantante, che si era presentata da solista come me». Nasce quindi il duo con Tekle, molto apprezzato dal pubblico. E a chi ha ascoltato Scardovi  nelle band con cui ha vinto due edizioni del festival OlbiaRock, i Dealma e gli Handra, o nella versione più acustica nel coro della chiesa di Stella Maris, non stupisce il fascino esercitato sul pubblico lituano.

 «Siamo stati selezionati in un’ottantina per partecipare al programma televisivo a fronte di migliaia di domande – spiega emozionato e ancora incredulo Norberto -. Con Tekle abbiamo superato le blind auditions con la canzone di Eros Ramazzotti e Anastacia “I belong to you”, poi altre tre prove riproponendo questo brano e “You are the raison”. Il 12 maggio parteciperemo alla finale in cui saremo in dieci».

L’esibizione che assegnerà il titolo di Voce della Lituania si svolgerà nell’area principale di Kaunas, seconda città lituana dopo la capitale Vilnius.  «È stata e continua a essere una emozione grandissima. Mai avrei creduto di arrivare alla finale in un programma nazionale lituano – prosegue Scardovi -.  Un susseguirsi di emozioni contrastanti. Da un lato la gioia di essere stato ammesso, dall’altro il timore di dovermi esprimere in una lingua non mia, cioè l’inglese. L’ingresso alla finale è stato davvero un regalo inaspettato».

Indipendentemente da come andrà la finale, questo risultato è un riconoscimento al talento di Scardovi ma anche al suo grande amore per la musica e il canto. Scoperto da adolescente e coltivato con maggiore consapevolezza quando entra nel coro parrocchiale di Stella Maris, invitato dal parroco don Raimondo Satta. «Il mio primo amore musicale è stato il rock e infatti, con due gruppi diversi, i Dealma e gli Handra ho vinto due edizioni di OlbiaRock. Con gli Handra abbiamo anche inciso un disco “Caos terapy”, abbiamo partecipato a Voci di maggio e fatto un tour nella penisola. Quando poi ho lasciato Olbia per gestire l’Accademia musicale di Arzachena ho suonato con gli AcustiCoast».

Una esperienza straordinaria non solo musicale ma umana quella nella parrocchia della chiesa di Stella Maris «grazie a cui è nato un forte legame con la comunità di Porto Cervo che anche in questo momento sento molto vicina – racconta Scardovi -. Il sostegno dei miei amici è importante e mi dà grande supporto, ancora di più ora che vivo in un paese straniero. È bello sentire vicino gli amici di un tempo. Ma devo dire che sento forte anche l’affetto che mi stanno dimostrando i lituani».

Il 12 maggio il grande appuntamento nazionale con la finale. «Sarà una grande emozione, ci metteremo tutto il cuore» commenta.

In Primo Piano
Emergenza

Siccità, nuove restrizioni. Ambrogio Guiso: «Un massacro per le campagne»

di Salvatore Santoni
Le nostre iniziative