La Nuova Sardegna

L'ultimo appello di Alessandra Todde: «A chi è indeciso e arrabbiato dico che il cambiamento si può fare»

L'ultimo appello di Alessandra Todde: «A chi è indeciso e arrabbiato dico che il cambiamento si può fare»






Cagliari "Quello che dico a chi è indeciso, a quelli che sono arrabbiati, a quelli che pensano che la loro voce non conti è che il cambiamento si può fare. E quale miglior cambiamento di una donna prima presidente della Regione Sardegna?". È entusiasta Alessandra Todde all'arrivo alla Fiera di Cagliari per l'evento di chiusura della lunga campagna elettorale che è stata salutata anche da un'esibizione dei tenores di Orgosolo. È l'appello che ripeterà anche dal palco, davanti a una platea di oltre 1.2000 sostenitori "Metà dei sardi non sta più andando a votare - sottolinea - ma i sardi non stanno bene e non andare a votare significa semplicemente dire: 'continuate a fare il disastro che avete fatto'. Io credo che il centrodestra, anzi la destra che è al governo in questo momento in Regione, stia sperando che i sardi non vadano a votare, per poter continuare esattamente come hanno fatto negli ultimi cinque anni. Se i sardi vogliono un cambiamento devono prendere coraggio, andare a votare e ritirare fuori l'orgoglio di voler vivere con dignità nella loro terra". Su Renato Soru la linea è sempre quella: "Lui si prenderà le sue responsabilità, onestamente io credo che il vero Soru sia emerso negli ultimi mesi. Al mio fianco ci sono tutte le forze politiche che hanno fatto resistenza alla giunta Solinas negli ultimi cinque anni e io credo che l'alternativa si costruisca con lavoro, con coerenza e con credibilità, non facendo prevalere l'ego prima della campagna elettorale". Domani si riposerà? "Domani sarò con la mia famiglia, con mia sorella e i miei nipoti che sono venuti da Milano e con mia madre e credo che sia assolutamente importante anche riappropriarsi delle cose belle che chiaramente durante questa campagna ho trascurato. E se riesco andrò un'ora dai miei cavalli" (a cura di Umberto Aime) 

Altri video di sardegna
Retrocessione dell'Olbia calcio, il presidente Guido Surace: "Momento triste"
Sardegna

Retrocessione dell'Olbia calcio, il presidente Guido Surace: "Momento triste"