Alghero, primo volo People Fly con otto ore di ritardo

Debutto “tormentato” e proteste per il collegamento con Barcellona. La compagnia low-cost assicura che per Natale il traffico sarà consistente

ALGHERO. Il debutto della tratta Alghero- Barcellona gestita dalla compagnia aerea People Fly sembra nascere all’insegna delle difficoltà. I passeggeri, poco meno di una ventina, hanno infatti dovuto attendere circa otto ore prima di imbarcarsi a causa di una serie di ritardi accumulati dall’aereo nei precedenti collegamenti. Otto ore di indubbio disagio che hanno determinato ulteriori difficoltà per chi si aveva organizzato una breve vacanza nella metropoli catalana.

Il percorso della Alghero-Barcellona registra due precedenti rinvii da parte della compagnia anche se la stessa assicura che il traffico in occasione delle festività natalizie sarà decisamente più consistente. Il rientro del volo da Barcellona ad Alghero è ora fissato per le 13,30 di domani.

Per quanto riguarda il traffico più in generale nel Riviera del Corallo da segnalare che l’Alitalia ha annunciato un aumento dei posti sulle tratte da Milano e Roma che sfiora il 60 per cento di quelli esistenti attualmente. Un potenziamento che per quanto consistente sembra non sia in grado di soddisfare la forte domanda di collegamenti in occasione delle festività di fine anno. E sempre a proposito di aeroporto prosegue la procedura di privatizzazione della società di gestione che dovrebbe concretizzarsi entro il mese di dicembre. La società F2I che ha presentato l’offerta di acquisto dovrebbe perfezionare la parte tecnico- burocratica nei prossimi giorni e diventare così operativa entro l’anno.

Da segnalare che le dichiarate disponibilità di Ryanair a un suo rientro ad Alghero potranno essere verificate non appena il nuovo investitore che ha rilevato la maggioranza del pacchetto azionario della società di gestione dello scalo entrerà in possesso dei titoli. In quel momento sono previste le dimissioni dell’attuale consiglio di amministrazione presieduto da Carlo Luzzatti. A proposito del traffico low cost risulta che, seppure a livello ufficioso, contatti con la compagnia irlandese siano stati già attivati e che le prospettive a medio termine sarebbero già incoraggianti. Va segnalato a questo proposito che, rispetto allo scorso anno, mancano sette collegamenti internazionali invernali. Un buco pesante che sta determinando ripercussioni negative di tipo economico in tutta l’area della Sardegna Nord occidentale.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes