Errore umano al passaggio a livello

Il conducente della berlina sarebbe passato mentre le sbarre si abbassavano

ALGHERO. Mentre non accennano a scemare di intensità le polemiche sulla pericolosità della strada per Mamuntanas, prosegue l’inchiesta della polizia locale per accertare le responsabilità di quanto accaduto ieri mattina in località Ungias (e non Mamuntanas, come chiariscono in una nota i vertici dell’Arst).

L’unica certezza riguarda il buon funzionamento dell’impianto, verificato dai tecnici dell’Arst anche dopo l’incidente: il semaforo segnava il rosso, l’avvertimento sonoro (la campana) era funzionante, la barriere si stavano abbassando.

Proprio questo particolare avrebbe indotto il conducente della berlina a “forzare” il passaggio prima dell’arrivo del treno. Che, fortunatamente, viaggiava a velocità ridotta. Consentendo così al conducente della berlina di spostare l’automobile quel tanto necessario per evitare l’impatto con il convoglio e balzare fuori dalla vettura. Tanta paura, ma nessun danno per gli occupanti della berlina e per i due passeggeri del treno proveniente da Alghero.

Ma nonostante la ricostruzione di quanto accaduto sembri sollevare da ogni responsabilità l’Arst, che gestisce la tratta ferroviaria a scartamento ridotto, nell’immediatezza del fatto il presidente del comitato di borgata Francesco D’Onofrio aveva nuovamente sottolineato la pericolosità dell’altro impianto, quello di Mamuntanas. Ricordando di essere scampato per miracolo alla morte mentre attraversava il passaggio a livello che, in quell’occasione, aveva le sbarre sollevate e i segnalatori luminoso e acustico spenti.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes