La Riviera del Corallo sarà il set di una fiction

Una puntata della serie “Il cacciatore”, in onda su Rai2, verrà girata ad Alghero Ieri una riunione preliminare, le riprese si svolgeranno dal 21 al 29 settembre

ALGHERO. La promozione del territorio passa anche attraverso il cinema e la fiction: così Alghero coglie al balzo la grande occasione fornita dalla Cross Production che, per la Rai, produce la serie televisiva “Il cacciatore” con protagonista Francesco Montanari, uno dei più apprezzati attori italiani.

La Riviera del Corallo sarà la scenografia naturale del quinto episodio della terza stagione de "Il cacciatore", diretta da Fabio Paladini e Davide Marengo. Le riprese si svolgeranno dal 21 al 29 settembre. La serie è ispirata alla vera storia del magistrato Alfonso Sabella, che nella finzione diventa Saverio Barone, membro del pool antimafia di Palermo nei primi anni novanta, subito dopo le stragi di Capaci e via D'Amelio. Le vicende sono tratte dal romanzo autobiografico “Cacciatore di mafiosi” e raccontano del giovane PM che diventa protagonista della caccia ai mafiosi. Una serie che nelle precedenti due stagioni ha avuto un seguito interessante su Rai 2, con una media attorno ai due milioni di spettatori, e diversi premi per l'attore protagonista Francesco Montanari come il Flaiano nel 2018 e, sempre nello stesso anno, il premio come miglior attore protagonista al Cannes International Series Festival. Intanto ieri ad Alghero si è svolta una riunione operativa tra i referenti della produzione e l'amministrazione comunale per pianificare le varie fasi organizzative che prevede la collaborazione di diversi settori insieme alla Fondazione Alghero. Per il Comune erano presenti la vice sindaca Giovanna Caria, gli assessori Giorgia Vaccaro, Marco Di Gangi e Andrea Montis e il comandante della Polizia municipale Carmelo Pais. Per le registrazioni saranno coinvolte anche 150 fra comparse e figuranti. Lo stemma di Alghero sarà presente in ogni forma di comunicazione della serie.

La Riviera del Corallo ritorna così ad essere set a distanza di alcuni anni dal film “Chi salverà le rose?” di Cesare Furesi, che aveva come protagonisti Caterina Murino, Lando Buzzanca e il compianto Carlo Delle Piane. Ma negli anni, tanti altri film, o parti di esso, sono stati girati tra Alghero e Capo Caccia. Tra questi ricordiamo il remake di "Travolti dal destino" con la cantante Madonna nel 2001. Andando indietro al 1977, ricordiamo alcune scene del film della saga di James Bond “La spia che mi amava” con Roger Moore e Barbara Bach e, nel 1967, “La scogliera dei desideri” con Liz Taylor e Richard Burton. «Alghero è pronta ad offrire le sue scenografie naturali e ambientali che la rendono unica. È una forte opportunità di promozione turistica, sociale e culturale, di prospettiva promozionale e visibilità nazionale» ha commentato il sindaco Mario Conoci. Infine l'assessore alla Cultura Marco Di Gangi ha annunciato che prossimamente, sarà in città una troupe televisiva tedesca e una produzione cinematografica italo-polacca per girare un lungometraggio. Presupposti che fanno valutare seriamente l'ipotesi di costituire una Alghero Film Commission».



WsStaticBoxes WsStaticBoxes