Suolo pubblico, prorogate le concessioni

Tavolini di bar e ristoranti: le agevolazioni amministrative per il covid saranno valide fino al 31 marzo

ALGHERO. È stata prorogata al 31 marzo la concessione, in scadenza oggi, dei suoli pubblici. Questo per consentire, agli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, di continuare a lavorare con le facilitazioni amministrative introdotte per ovviare in qualche modo alla pandemia.

La determinazione, a firma del dirigente Michele Fois, prevede immediatezza, efficacia e semplificazione, con la possibilità per i titolari di comunicare con Pec la volontà di voler estendere al 31.03.2021 i suoli supplementari già concessi, senza mutamento circa l'entità della occupazione e la sua dislocazione sul sedime pubblico. «La proroga - si legge nella nota del Comune - è subordinata alla suddetta comunicazione e all'effettivo utilizzo del suolo. In ragione del proseguire della emergenza sanitaria, le esigenze e le valutazioni che avevano suggerito il recepimento della normativa, o meglio la sua applicazione commisurata alle specificità del territorio, appaiono del tutto attuali e meritevoli di proseguimento alle medesime condizioni». Le proroghe saranno riconosciute soltanto per i possessori di concessioni di “suolo Covid” e non anche per i titolari di esercizi di somministrazione che non abbiano avuto riconosciuta l'estensione di superficie. Naturalmente tutte le concessioni e/o gli ampliamenti in argomento, sono esonerati dal pagamento della relativa tassa di occupazione fino al 31 marzo. Si va con immediatezza alla pubblicazione dell'avviso, ed entro e non oltre il 30 gennaio prossimo gli esercenti che hanno intenzione di avvalersi dell'opportunità dovranno far pervenire la comunicazione mediante semplice comunicazione Pec, con riferimento dinamico al precedente provvedimento di concessione rilasciato a seguito di presentazione di planimetria.(n.n.)



WsStaticBoxes WsStaticBoxes