La Nuova Sardegna

Alghero

fertilia 

Il Museo dell’esodo pronto all’apertura

Sabato prossimo l’inaugurazione affiancata da una tavola rotonda

05 giugno 2021
1 MINUTI DI LETTURA





ALGHERO. Verrà inaugurato sabato prossimo 12 giugno alle ore 10.30, l’Ecomuseo Egea di Fertilia intitolato ad Egea Haffner, la “bambina con la valigia e l’ombrello" immortalata nella fotografia simbolo dell’esodo giuliano-dalmata, figlia di un infoibato, che è stata ospite d’onore lo scorso anno in occasione della posa della prima pietra nel terreno delle ex officine Egas.

L’Ecomuseo Egea farà conoscere a tutti una pagina della storia d'Italia tra le meno conosciute. Accompagnerà i visitatori in un percorso emozionante, riscoprendo quanto sia accaduto a delle persone normali, come pescatori, operai, impiegati, ma soprattutto farà emergere la forza interiore e la dignità di chi, all'indomani di questa sciagura, ha saputo ripartire e ricostruire con fatica, ma anche con dignità e con rispetto, la propria vita partendo da nulla. Fertilia diventa emblema di mille altre località in tutto il mondo, nelle quali gli esuli giuliano - dalmati sono stati protagonisti, diventando simbolo di coraggio e dignità.

Dopo la cerimonia di inaugurazione, dalle ore 16, presso la palestra delle scuole medie della borgata giuliana, si terrà un incontro nel quale si commemoreranno i 107 anni dalla nascita di don Francesco Dapiran, guida della comunità giuliano-dalmata di Fertilia e verrà presentato inoltre il libro “Rotta 230° - Fertilia e i suoi protagonisti” con una tavola rotonda moderata dal giornalista Pasquale Chessa. (n.n.)



In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative