«Cartelle pazze, basta con gli errori»

Sartore: Secal sbaglia il computo della superficie dei vani accessori 

ALGHERO. «Si ponga rimedio alle cartelle pazze della Tari».

A chiederlo è il consigliere comunale Pietro Sartore. «Si continua con gli errori. La Secal, come accadeva anche con la Step, sbaglia nel computo della superficie dei vani accessori – dice – I cittadini così si vedono recapitare bollette Tari con superfici imponibili sovrastimati».

Pietro Sartore evidenzia che la norma stabilisce che «la superficie assoggettabile alla Tari è pari all’80 per cento di quella catastale determinata secondo i criteri stabiliti dal decreto del Presidente della Repubblica 23 marzo 1998, n. 138. Ecco, se Conoci e la sua giunta trovassero il tempo di studiare scoprirebbero che il Dpr 138 del 1998 stabilisce che “la superficie dei vani accessori a servizio indiretto dei vani principali, quali soffitte, cantine e simili, deve essere computata nella misura del 50%, qualora comunicanti con i vani principali o del 25% qualora non comunicanti” ed eviterebbero di mandare prima accertamenti e ora bollette Tari con le superfici dei vani accessori calcolate al 100% con un notevole aggravio per i malcapitati contribuenti».

Il consigliere Sartore sottolinea anche che «basterebbe leggere la risposta data al Comune dall’Agenzia delle entrate nel 2019. Oppure – conclude – sarebbe sufficiente conoscere il regolamento del nostro Comune che all’articolo undici spiega proprio che nel calcolo della superficie imponibile bisogna seguire il già più volte citato Dpr 138». (n.n.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes