La Nuova Sardegna

Alghero

Musica

Il Festival della canzone algherese ritorna dopo trent’anni d’assenza

Pino Piras il celebre cantautore scomparso nel 1989 è stato uno dei più illustri partecipanti alla gara canora
Pino Piras il celebre cantautore scomparso nel 1989 è stato uno dei più illustri partecipanti alla gara canora

L’1 e 2 luglio nell’arena di Lo Quarter la rassegna nata nel 1972

19 maggio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Alghero Dopo 33 anni di assenza ritorna il Festival della canzone algherese. L’organizzazione, curata dall’associazione “Aps Festival della Canzone Algherese”, sta lavorando in questi giorni sugli ultimi dettagli. Ideato nel 1972 da Franco Simula, le prime edizioni si sono svolte nello storico teatro Selva che a stento riusciva a contenere tutte le persone che ogni anno volevano assistere alla gara canora. In quegli anni tutti i musicisti e i cantautori algheresi hanno partecipato almeno una volta. Tra questi, due nomi importanti della cultura musicale algherese come Pino Piras e Pasqual Gallo, così come, allora giovanissimi, hanno partecipato personaggi come Antonello Colledanchise, Franco Calvia, Giuseppe Manca, Mauro Uselli, Pietro Ledda solo per citarne alcuni. L’ultima edizione risale al 1990, da allora il festival è stato cancellato. Negli ultimi anni si era tentato di riproporlo, ma le difficoltà organizzative non lo hanno permesso. Questa volta, invece, ritorna e l'organizzazione lo vuole fare in grande stile con due serate, l’1 e 2 luglio, che saranno ospitate nell’Arena della Fondazione Alghero a Lo Quarter in largo San Francesco. Lo scorso 5 maggio si è conclusa la prima fase, quella della consegna delle canzoni. Ora, l'organizzazione dovrà scegliere tra le 16 e le 18 canzoni che si affronteranno ai primi di luglio. Nel frattempo è già iniziata la prevendita dei biglietti al costo di 10 euro a serata. Si possono acquistare presso Tot per la Música in via Lo Frasso 10 (n.n.)

In Primo Piano
Il caso

Siniscola, Giovanni Bomboi dopo gli spari al Consorzio: «Ero esasperato, sono pentito. Non volevo ferire nessuno»

di Sergio Secci
Le nostre iniziative