La Nuova Sardegna

Cagliari

«Gli animali del circo Martin vengono maltrattati», la Lav chiede il sequestro

«Gli animali del circo Martin vengono maltrattati», la Lav chiede il sequestro

L’associazione animalista si è rivolta alla Procura della Repubblica di Cagliari: «Cavalli, tigri e orsi vengono impiegati in spettacoli anacronistici e incompatibili con le loro esigenze»

01 aprile 2014
2 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. La Lav chiede alla Procura di Cagliari di sequestrare con urgenza gli animali del Circo Martin, in quanto impiegati - secondo l’associazione animalista - in spettacoli «assolutamente anacronistici e incompatibili con le esigenze etologiche degli animali. In particolare, con un video pubblicato su YouTube, la Lav documenta un’esibizione, durante la recente tournee in Sardegna, vietata dalle norme sul benessere degli animali, dalla Linee guida Cites del ministero dell’Ambiente sulla loro detenzione nei circhi e da quelle per l’incolumità pubblica. Davanti agli spettatori compare un cavallo con in groppa una tigre, che traina un carretto con sopra un orso. Lo spettacolo prevede anche l’uso di catene e maschere di cuoio sugli animali, a conferma di «procedure di costrizione insopportabile».

La Lav di Cagliari ha girato anche immagini sulle condizioni dello zoo del circo e parla di «gabbie minuscole e prive di qualsiasi arricchimento ambientale, all’interno delle quali gli animali sono comunque legati con una catena», giudicando «preoccupante, per la sicurezza pubblica, l’assenza di protezioni idonee a impedire il contatto tra visitatori e animali». Alla denuncia alla procura di Cagliari l’organizzazione ha anche allegato pareri scientifici di esperti in animali esotici, selvatici e zoo, a conferma della segnalata gravità delle condizioni degli animali del circo. «Ci auguriamo che siano definitivamente sottratti ai titolari, ai quali dev’essere vietato in futuro di acquisire altri animali».

In Primo Piano
L'appello

Gara di solidarietà a Macomer Tutti in fila per aiutare Antonio

di Simonetta Selloni
Le nostre iniziative