La Nuova Sardegna

Cagliari

Armi rubate trovate in locale abbandonato in centro a Cagliari

Sui muri dell’appartamento, trovato in pessime condizioni, erano state tracciate scritte contro le forze dell’ordine: «Acab», acronimo di «All Cops are bastard»

31 maggio 2014
1 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. Sono risultate rubate in una casa del Cagliaritano le due armi scoperte nei giorni scorsi dalla polizia in uno stabile abbandonato nel centro di Cagliari, nel quartiere della Marina, di proprietà dell’Arciconfraternita «S.S. Vergine d’Itria». I fucili, un calibro 12 e uno ad aria compressa, avevano la matricola cancellata e sono stati sequestrati dalla Digos, assieme ad attrezzatura utilizzata per confezionare dosi di droga. Ad allertare le forze dell’ordine erano stati gli stessi confratelli, appena si erano accorti che la serratura dell’appartamento di via Napoli 47 era stata cambiata da qualcuno: il locale era abbandonato da tempo e la proprietà aveva deciso di ristrutturarlo.

Sui muri dell’appartamento, trovato in pessime condizioni, erano state tracciate scritte contro le forze dell’ordine: «Acab», acronimo di «All Cops are bastard» (tutti i poliziotti sono bastardi), «Liberi tutti», «Fuori tutti» e «Sbirro infame». I due fucili erano stati rubati, assieme ad altre armi, l’anno scorso dall’abitazione privata della provincia di Cagliari. Le indagini proseguono per risalire alle persone che hanno occupato il locale, evidentemente trasformato in un luogo di ricettazione di armi rubate e di spaccio di stupefacenti.

In Primo Piano
Il soccorso

Giovane amazzone cade da cavallo alla processione di Beata Maria Gabriella a Nuoro: è grave

Le nostre iniziative