cagliari
cronaca

Cagliari, Mattarella incontra i familiari di due vittime di femminicidio

Il presidente ha parlato con il fratello di Anna Maria Mele, uccisa nel 1988 a Nuoro, e con la sorella di Dina Dore, uccisa a Gavoi nel 2008


02 ottobre 2017


CAGLIARI. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, durante la visita oggi a Cagliari, ha incontrato in Prefettura i familiari di due vittime di femminicidio in Sardegna, accompagnati dalla consigliera regionale Anna Maria Busia. Si tratta di Agostino Mele e Graziella Dore, rispettivamente il fratello di Anna Maria Mele, uccisa il 3 dicembre 1988 a Nuoro dal marito Pier Paolo Cardia, davanti alla figlia di 6 anni, e la sorella di Dina Dore, uccisa a Gavoi (Nuoro) il 26 marzo del 2008 e per il cui delitto è stato condannato all'ergastolo come mandante il marito Francesco Rocca.

«Sono rimasta colpita dall'attenzione che il capo dello Stato ci ha dedicato - ha detto Graziella Dore - Abbiamo spiegato la necessità che lo Stato tuteli gli orfani del femminicidio evitando che siano le famiglie a muoversi con carte bollate, buttando soldi ed energie per vedersi riconosciuti i propri diritti: come quello ad avere la casa di famiglia o alla pensione di reversibilità senza dover fare battaglie lunghe e costose contro i padri assassini. È importante che questi orfani - ha aggiunto la donna - che spesso finiscono con nonni che non li possono mantenere o in case famiglia, abbiamo tra l'altro un reddito di sostentamento».

È stato poi Agostino Mele - che dopo la morte della sorella aveva adottato con la moglie la nipotina Vanessa, che ora ha 35 anni - a spiegare a Mattarella i 17 anni più lunghi della sua famiglia, perché Vanessa vedesse riconosciuti i suoi diritti alla pensione di reversibilità della madre e alla casa di famiglia.

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.