Rita Meloni ha compiuto cent'anni: a Serdiana gara per gli auguri

Rita Meloni

Anche l'altra centenaria del paese l'ha festeggiata

SERDIANA. L’agognato traguardo del secolo di vita è arrivato. C'è una nuova centenaria a Serdiana. E’ Rita Meloni primogenita dei cinque figli messi al mondo da Teresa Usai, originaria di Ussana, e Efisio Meloni, invalido di guerra (fu ferito ad una gamba durante la prima guerra mondiale), nonché per diversi anni messo del tribunale di Cagliari ed esperto vignaiolo (conferiva l’uva alla cantina di Monserrato della quale era socio). Tzia Rita ha frequentato con profitto la terza elementare. Tra le materie prediligeva in modo particolare la matematica. Avrebbe voluto proseguire gli studi. Desiderio osteggiato dai genitori che furono irremovibili. Dall’età dell’adolescenza non solo si è resa utile in casa, aiutava la madre nelle faccende domestiche e a fare il pane, ma andava anche a lavorare in campagna, a zappare la vigna, a raccogliere olive e fare il bucato nel “Rio Flumini”, nella valle di “Isca Manna”. Nel novembre del 1945 si è sposata, dopo diversi anni di fidanzamento, con Giovanni Spano, suo compaesano che ha fatto prima il pastore, successivamente il minatore a Monteponi ( Iglesias) (raggiungeva il posto di lavoro in bicicletta il lunedì mattina e rientrava il venerdi notte) ed infine, sino alla maturazione dell’età pensionabile, in una impresa edile.

La neo centenaria ha messo al mondo quattro figli, tutti viventi: Mariano (74 anni, il più anziano), Fausto, Maria Beatrice (Bice), Maria Teresa (Nennetta, 59 anni, la più giovane). Tzia Rita ha fatto prevalentemente la casalinga. Ha trovato anche il tempo da dedicare ai suoi hobby: l’uncinetto, il lavoro a maglia, il cucito (ha confezionato i vestiti non solo per i suoi figli ma anche per parenti ed amici), l’orto, per le provviste familiari, e l’allevamento di animali da cortile: galline e pavoni. Molto socievole è stata un punto di riferimento per diversi studenti universitari di antropologia del territorio. Quattro anni fa è caduta e si è fratturata il femore. Attualmente vive con Bice, la terzogenita. Tra i primi a farle gli auguri, oltre ai figli, ai 6 nipoti e ai 4 pronipoti, la sorella minore Pasqualina (Lina, 91 anni), il parroco di Serdiana don Mario Cugusi e Bonaria Simbula, sua compaesana, che il 29 gennaio ha compiuto 100 anni.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes