cagliari
cronaca

Gli ambientalisti sardi: il Governo impugni la legge sul Ppr

"Di fatto libererebbe la Regione dall'obbligo di concordare con il ministero per i Beni culturali i vincoli del Ppr su fascia costiera, beni identitari e zone agricole"


11 luglio 2020


CAGLIARI. Arriva sul tavolo del Governo un dossier firmato dall'associazione ecologista Gruppo d'Intervento Giuridico onlus, che chiede di impugnare davanti alla Corte costituzionale la legge regionale della Sardegna che introduce una interpretazione autentica del Piano paesaggistico (Ppr) del 2006. Le norme, varate lo scorso 9 luglio con aspre polemiche tra maggioranza di centrodestra e opposizioni, sono e mirate a sbloccare i lavori per la nuova 4 corsie Sassari-Olbia e di fatto liberano la Regione dall'obbligo di concordare con il ministero per i Beni culturali i vincoli del Ppr su fascia costiera, beni identitari e zone agricole.

«In pratica, la Giunta regionale Solinas sarebbe così autorizzata a riscrivere le parti fondamentali del Ppr - attacca il Grig - in gelosa quanto interessata solitudine, senza ottemperare agli obblighi di pianificazione congiunta con il Ministero. La motivazione dichiarata, legata al voler così consentire il completamento della nuova statale, è smentita dalla prossima riunione del Consiglio dei Ministri che approverà definitivamente il completamento della strada».

Secondo gli ambientalisti - promotori di una petizione on line che chiede la salvaguardia delle coste sarde e che ha superato le 32mila firme - si tratta di «una sfrangiata foglia di fico che maldestramente prova invano a coprire la solita, consueta, voglia mattonara».(Ansa).

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.