Cagliari, l'introduzione della tassa di soggiorno scatena l'ira dei B&B

Lettera dell'Associazione Karalitanae indirizzata al sindaco Paolo Truzzu: "Una decisione grave per il comparto che abbiamo appreso a cose fatte"

CAGLIARI. L'introduzione della tassa di soggiorno decisa dall'amministrazione comunale di Cagliari, e in partenzxa dal primo luglio, ha scatenato la reazione dell'Associazione Domus Karalitanae che raccoglie i B&B e altre strutture di ospitalità dextra alberghiera el capoluogo isolano. Gli associati hanno scritto, a firma del presidente Luigi Trudu, una lettera al sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu di Fratelli d'Italia, per protestare contro questo aumento.

"Egregio sindaco Paolo Truzzu _ si legge nella missiva _, la decisione presa dal Comune di Cagliari di introdurre la tassa di soggiorno per i turisti in arrivo in città dal 1 luglio 2021 ha lasciato perplessi tutti i soci della nostra storica associazione cittadina Domus Karalitanae (dal 2004 Associazione dei B&B e altre Strutture Ricettive extra alberghiere di Cagliari e Province della Sardegna)". "In particolare ci chiediamo come mai, pur essendo i rappresentanti delle categorie che ospitano più turisti in città e pur essendo coloro che saranno incaricati della responsabilità di riscuotere la tassa, nessun nostro rappresentante sia stato convocato in Consiglio il giorno della discussione della sua introduzione. Di fatto abbiamo appreso la notizia della tassa solo dai mezzi di comunicazione, a cose fatte. In questo modo ci è stata tolta ogni possibilità di esporre le nostre obiezioni ma anche suggerire, da esperti del settore, qualche possibile buona idea senz'altro di possibile utilità comune".

"A questo proposito _ prosegue la lettera _ ne approfittiamo per segnalare una questione pratica molto spiacevole: la tassa introdotta all’improvviso a stagione iniziata sta creando il grave problema di dover comunicare agli ospiti che hanno prenotato prima dell’introduzione della tassa un rialzo del costo del soggiorno. Crediamo che lei possa immaginare i problemi e il danno che questo cambio successivo sta creando sia alle strutture ricettive che all’immagine stessa della Cagliari Città Turistica".

La lettera si conclude con l'invito al sindaco Paolo Truzzu di una risposta che serva a chiarire o a porre rimedio alla faccenda che sta a cuore all'Associazione Domus Karalitanae.

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes