Con l'auto rubata a Selargius cercano di investire il carabiniere che spara per fermarli

I due giovani alla fine sono stati bloccati e denunciati

SELARGIUS. In fuga su un’auto rubata e inseguiti da una pattuglia di carabinieri, due giovani hanno cercato di investire un militare che, riuscito miracolosamente a scansarsi, con la pistola di ordinanza ha sparato alcuni colpi verso la macchina dei fuggitivi, riuscendo a centrare uno pneumatico. La vettura ha sbandato in testacoda ed è finita in un canneto, con i due occupanti illesi ma arrestati per ricettazione dell’auto e resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Il carabiniere è ricorso alle cure mediche per le leggere ferite riportate nel concitato episodio. Intorno a mezzogiorno di oggi 21 settembre sulla statale 554 in territorio di Selargius, un carabiniere che viaggiava, libero del servizio, alla guida della propria auto, ha intravisto all'interno di una Opel Corsa due giovani che conosceva benissimo per i loro precedenti. Ha chiesto per telefono ai colleghi della centrale operativa della Compagnia di Quartu di verificare la targa del mezzo e dall'accertamento svolto sulla banca dati delle forze di polizia, è emerso che quella macchina era stata rubata 5 giorni fa a Castiadas. A questo punto il militare ha cominciato a tallonare la Opel Corsa, richiedendo l'intervento delle “gazzelle” in zona in quel momento.

All'arrivo della prima pattuglia del Radiomobile, i due giovani sulla Opel Corsa si sono dati alla fuga in direzione Settimo San Pietro, deviando dalla strada principale e quindi in una strada rurale. Su una di queste, molto stretta, i fuggitivi si sono trovati di fronte un’altra macchina del Radiomobile della Compagnia di Quartu e costretti a rallentare. Ma quando uno dei carabinieri sceso dell'auto di servizio si è fatto loro incontro tenendo per ogni evenienza la mano sulla pistola di ordinanza, hanno ripreso la fuga cercando di investire il militare, che è riuscito con un balzo laterale a schivare la vettura gettandosi agilmente in cunetta. Contestualmente ha sparato alcuni colpi con la propria arma, centrando il paraurti anteriore sinistro e bucando una gomma del mezzo rubato. L'auto in fuga ha percorso ancora pochi metri ed è andata in testacoda, finendo fuori strada in un adiacente canneto. I due giovani potevano essere catturati ed arrestati per resistenza, lesioni ai danni del militare e la ricettazione dell'auto. Il carabiniere investito ha riportato lesioni guaribili in 20 giorni di cure.

 

WsStaticBoxes WsStaticBoxes