Seui in festa per i 100 anni di Maria Deplano

I festeggiamenti in onore della neocentenaria Maria Deplano

Gli auguri della sua grande famiglia e del sindaco Marcello Cannas

SEUI. Festa grande a Seui per il centesimo compleanno di Maria Deplano. La neo centenaria secondogenita dei sei figli messi al mondo da Angelica Mameli e Daniele, un operaio emigrato in Francia per motivi di lavoro, è nata a Seui il 15 ottobre 1921. Ha imparato a leggere, scrivere e fare di conto nonostante abbia frequentato solo la prima classe della scuola elementare. Ha avuto un’infanzia difficile. Quando aveva 9 anni, nel 1930, è morta la madre. A prendersi cura di lei e dei suoi fratelli è stata prima una zia, Felicita, sorella del padre, madre di Maria Saba morta all’età di 102 anni, e poi, a turno, altri parenti. “In quegli anni venivo svegliata spesso molto prima del sorgere del sole per andare ad innaffiare gli orti e rendermi utile a casa, racconta. Le cose sono leggermente migliorate dopo che mio padre nel 1937 si è sposato in seconde nozze con Rosa Gaviano”. Dopo un breve fidanzamento il 25 aprile del 1948, in occasione del terzo anniversario della “liberazione”, si è sposata a Seui, nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Maddalena, con Giovanni Cannas, suo compaesano, dipendente delle ferrovie complementari della Sardegna. Tzia Maria ha messo al mondo cinque figli. Attualmente sono in vita solo tre: Rita (70 anni), Anna (68) e Agnese (66).

La neo centenaria per diversi anni ha vissuto a Mandas e Ales paesi nei quali il marito ha prestato servizio. A causa del covid, quantunque sia stata una delle prime di Seui ad essere vaccinata, è stata costretta a cambiare le abitudini di vita. Per otto mesi all’anno vive a Seui con la figlia quartogenita Anna, nubile, insegnante elementare e di scuola materna in pensione. Nei mesi invernali entrambe si trasferiscono a Cagliari a casa della figlia ultimogenita Agnese docente di matematica nel liceo scientifico Michelangelo.

Ai festeggiamenti che si sono svolti nella sala consiliare del comune di Seui, iniziati dopo la messa di ringraziamento officiata dal parroco don Joilson Macedo, hanno partecipato tra gli altri oltre alle figlie, a 2 dei 3 nipoti e 4 dei 5 pronipoti, il sindaco di Seui Marcello Cannas, che le ha donato una targa ricordo e le ha esternato gli auguri a nome di tutta la comunità seuese, il medico di famiglia in pensione Giorgio Cabras, gli alunni delle scuole elementari, parenti ed amici.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes