Vincenza Cau neo centenaria a Siddi: festa con figli e pronipoti

Una vita di lavoro e il grande calore della famiglia

SIDDI. Festa sobria in famiglia a Siddi nel pieno rispetto delle norme prescritte per contrastare il diffondersi della pandemia da covid, per il centesimo compleanno di Vincenza Cau. La neo centenaria secondogenita dei quattro figli di Eugenia Uras, casalinga, e Onofrio, contadino, è nata a Siddi, il paese che segna la linea di confine tra le province del Sud Sardegna e Oristano, il 18 gennaio 1922, di mercoledì, il giorno in cui la chiesa cattolica venera santa Liberata. Ha frequentato le cinque classi della quinta elementare e ha imparato a leggere, a scrivere e a fare di conto. “Dal giorno del dodicesimo compleanno e sino a 2 mesi prima di sposarmi - racconta - ho fatto la collaboratrice domestica (sa zerachedda) presso diverse famiglie benestanti di Siddi, Villamar, Lunamatrona e Cagliari. Ho sempre ricevuto un compenso molto modesto rapportato alla mole di lavoro che tuttavia è servito ad incrementare le magre entrate del bilancio della mia famiglia. Eravamo poverissimi”.

Vincenza Cau si è sposata il 25 novembre 1948 nella chiesa parrocchiale di Siddi con Patrizio Aru, un contadino, suo compaesano. La neo centenaria ha messo al mondo sei figli, dei quali solo quattro sono ancora in vita: Mario (71 anni), Rosa (68), Paolo (65), Silvia (57), Il primogenito Giuseppe e il quintogenito Tonio sono deceduti. Tzia Vincenza oltre ad aver accudito alla famiglia ha aiutato il marito nel lavoro dei campi. “Seu andara a marrai, a spigai su trigu, a treulai sa fa, su cixiri e su pisu (sono andata a zappare, a spigolare il grano e a trebbiare manualmente le fave, i ceci e i fagioli)”. Attualmente la neo centenaria, rimasta vedova nel 1997, vive con la figlia Rosa.

Ai festeggiamenti, iniziati dopo la messa di ringraziamento concelebrata da don Roberto Lai, il parroco di Siddi, e da don Venanzio Sanna, oltre ai figli, alle nuore e ai generi, ai 6 nipoti e all’unico pronipote Alessio, hanno partecipato solo i parenti più stretti. Tra i primi ad esternarle gli auguri è stato il sindaco di Siddi Marco Pisanu. Vincenza Cau, a memoria d’uomo, è la terza siddese ad aver spento le cento candeline . Gli altri due ad aver raggiunto il traguardo del secolo di vita sono stati Adelaide Cannas e Ignazio Serra.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes