La Nuova Sardegna

Cagliari

La pesca abusiva

La Guardia costiera trova 110 nasse irregolari disseminate nel golfo di Cagliari

La Guardia costiera trova 110 nasse irregolari disseminate nel golfo di Cagliari

Sconosciuti i pescatori che le utilizzavano contravvenendo alle disposizioni in materia

27 ottobre 2022
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Centodieci nasse irregolari disseminate nei fondale marini del golfo di Cagliari sono state “pescate” dalla Guardia costiera nell’ambito delle attività mirate a contrastare illeciti in materia di pesca. Sequestrata, nel contesto delle stesse attività, una partita di gambero rosso pescato e commercializzato in maniera illecita in un mercato cittadino.

Le nasse erano segnalate in maniera irregolare in violazione anche delle norme in materia di sicurezza della navigazione marittima e non erano attribuibili a pescatori professionali. Le nasse apparivano in condizioni precarie ma comunque erano suscettibili di costituire trappole letali per pesci, crostacei e molluschi, nonché un concreto pericolo per la navigazione, non essendo segnalate in maniera tale da essere riconoscibili dai naviganti. Sconosciuti i pescatori che le utilizzavano contravvenendo alle disposizioni in materia di pesca.

Sempre nell’ambito dell’attività di tutela delle risorse ittiche, personale del Centro controllo pesca della Guardia Costiera di Cagliari ha effettuato anche una attività di controllo del prodotto ittico in vendita presso un mercato cittadino, che ha portato al sequestro di una partita di gambero rosso pescato e commercializzato in violazione delle norme in materia di tutela della salute pubblica e dell’ambiente.

In particolare il prodotto ittico era stato posto in vendita da due venditori al dettaglio senza alcuna tracciabilità, tra l’altro in un periodo nel quale la pesca e la commercializzazione del gambero rosso sono vietate dalla normativa europea. Per tale violazione due commercianti sono stati sanzionati per un totale di 3000 euro.(l.on)

In Primo Piano
Monta la protesta

Agricoltori e allevatori sardi si mobilitano: il 17 giugno comincia il “mese della collera” contro i danni della siccità

Le nostre iniziative