La Nuova Sardegna

Cagliari

Violenza

Picchia selvaggiamente la madre che gli nega i soldi: arrestato a Gonnesa

Picchia selvaggiamente la madre che gli nega i soldi: arrestato a Gonnesa

I vicini hanno udito le urla della donna e hanno chiamato i carabinieri

09 gennaio 2023
1 MINUTI DI LETTURA





Gonnesa Con una messaggio su Whatsapp minaccia di morte la madre se non gli avesse dato i soldi richiesti, poi torna a casa e la picchia selvaggiamente colpendola ripetutamente alla testa con pugni. Davanti ai carabinieri, intervenuti su richiesta dei vicini di casa che avevano sentito le invocazioni di aiuto della povera mamma, continua con le minacce di morte e sfascia arredi e suppellettili prima di essere bloccato dai militari. Il figlio violento, un ventiduenne, è stato arrestato dai carabinieri del nucleo radiomobile della Compagnia di Iglesias e, su disposizione dell’autorità giudiziaria, portato al carcere mandamentale di Uta. Deve rispondere dei reati di maltrattamenti e minacce gravi. Il fatto è di ieri sera 8 gennaio.

Così come era accaduto in altre circostanze, questi aveva richiesto via WhatsApp del denaro alla madre cinquantenne non convivente, minacciandola di morte nel caso in cui non avesse aderito alla richiesta, si era recato poi presso l'abitazione della donna e aveva rinnovato la minatoria istanza, fino ad arrivare. Dal momento che la madre palesava delle difficoltà a poter aderire alle sollecitazioni del figlio perché non aveva i soldi da dargli, il ragazzo ha reagito colpendola al capo con diversi pugni e successivamente, alla presenza dei carabinieri, ha proseguito nel proprio atteggiamento violento danneggiando arredi e suppellettili, e continuando a minacciare di morte la madre.(l.on)

In Primo Piano
Il caso

Siniscola, Giovanni Bomboi dopo gli spari al Consorzio: «Ero esasperato, sono pentito. Non volevo ferire nessuno»

di Sergio Secci
Le nostre iniziative