La Nuova Sardegna

Cagliari

Violenza

Scappano dalla comunità nell’Oristanese, rapinano una prostituta e ne colpiscono un’altra: arrestati a Cagliari due ragazzi di 19 e 18 anni

Scappano dalla comunità nell’Oristanese, rapinano una prostituta e ne colpiscono un’altra: arrestati a Cagliari due ragazzi di 19 e 18 anni

I due giovani dopo le aggressioni hanno tentato di fuggire

11 gennaio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Si appartano in una stradina laterale di viale Elmas con due prostitute, ne picchiano e ne rapinano una, per poi darsi alla fuga a piedi. Uno viene poi trovato in zona da un amico delle due donne rapinate, bloccato e consegnato ai carabinieri. L’altro lo rintracciano i militari e viene anche lui arrestato. Protagonisti due ragazzi di 19 e 18, un nuorese e un cagliaritano, attualmente domiciliati nella comunità “Senna Inus” a Siris, in provincia di Oristano. Sono accusati di rapina aggravata in concorso.

La movimentata vicenda è di ieri sera 10 gennaio. Arrivati a Cagliari dopo essersi allontanati dalla comunità che li ospita, i due si sono recati nel tratto di viale Elmas frequentato dalle prostitute di colore e si sono appartati in una stradina sterrata laterale per consumare un rapporto sessuale con una delle due donne. Subito dopo la prima prestazione, il giovane è andato a strappare la borsetta nella seconda prostituta, colpendola poi al volto tanto da stordirla per qualche istante. I due giovani si sono dati alla fuga, saltando all'interno di un deposito di gomme poco distante, inseguiti dalla rapinata. I due giovani sono stati trovati a spartirsi la refurtiva (poco più di un centinaio di euro), ma hanno ripreso a scappare inseguiti dalla donna e da un suo amico intanto sopraggiunto su un monopattino elettrico. Uno dei giovani è stato immobilizzato e consegnato alla pattuglia dei carabinieri del nucleo radiomobile, nel frattempo giunta in viale Elmas dopo la segnalazione giunta al 112. I militari hanno subito proseguito le ricerche del secondo fuggitivo che sono riusciti a individuare nascosto in un canneto. Entrambi i rapinatori sono stati arrestati e portati alla casa circondariale di Uta.(l.on) 

In Primo Piano
Il caso

Siniscola, Giovanni Bomboi dopo gli spari al Consorzio: «Ero esasperato, sono pentito. Non volevo ferire nessuno»

di Sergio Secci
Le nostre iniziative