La Nuova Sardegna

Cagliari

Droga

Coltivava canapa light, ma poi la vendeva in proprio

Coltivava canapa light, ma poi la vendeva in proprio

Serramanna, un allevatore di 57 anni di Villasor aveva le autorizzazioni per la piantagione ma non per conservare la sostanza stupefacente nel proprio ovile

08 novembre 2023
1 MINUTI DI LETTURA





Serramanna Coltivava legalmente canapa sativa light, ma poi la commercializzava in proprio senza passare per i canali di vendita prescritti.  I carabinieri della stazione di Serramanna, dopo un sopralluogo nella coltivazione, hanno denunciato in stato di libertà un allevatore  di 57 anni di Villasor per produzione e detenzione di sostanze stupefacenti in violazione delle disposizioni per la coltivazione e la filiera agro-industriale della marijuana legale. 

Stando alle ricostruzione dei militari il pastore,  noto alle forze dell’ordine, risultava essere un coltivatore di canapa sativa light. Da un’ispezione nell’ovile della sua azienda è emerso che disponeva di fatture relative all'acquisto di semenze lecite con Thc sotto  soglia, secondo i parametri europei, cioè tra il 0,23 e il 0, 6%. Ma nel corso della verifica è emerso anche  che  aveva proceduto, oltre alle consentite operazioni di taglio ed essiccazione, anche allo stoccaggio del prodotto semilavorato, immagazzinandolo  e confezionandolo senza  autorizzazioni, presumibilmente per venderlo poi per conto proprio, contravvenendo alle disposizioni di legge.(l.on)

In Primo Piano
L’allarme

Grosso incendio tra Riola Sardo e San Vero Milis: a fuoco terreni da pascolo e macchia mediterranea

Video

Impianti fotovoltaici in Sardegna: varata la norma che stabilisce i limiti nelle installazioni per i prossimi 18 mesi

Le nostre iniziative