La Nuova Sardegna

Cagliari

Il caso

Cagliari, errore medico su un neonato: scoperto un danno erariale di 1,5 milioni di euro

di Luciano Onnis
Cagliari, errore medico su un neonato: scoperto un danno erariale di 1,5 milioni di euro

Le indagini della Guardia di Finanza hanno portato alla segnalazione di sette persone alla Corte dei Conti

15 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Malasanità con errore medico per un neonato, la Corte dei conti riconosce danni all’Erario per 1,5 milioni di euro di risarcimento  da parte di una equipe ostetrica di un ospedale del Sud Sardegna. La vicenda risale al 2006. Il Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Cagliari, sotto il coordinamento del Procuratore regionale della Corte dei Conti presso la Sezione giurisdizionale per la Sardegna, ha portato a termine una complessa indagine finalizzata all'individuazione di profili di responsabilità amministrativa relativi a risarcimenti del danno scaturito da malpractice sanitaria.

In particolare, gli uomini delle Fiamme gialle hanno indagato le vicende successive ad un grave episodio di malasanità che aveva causato  nel 2006 la nascita di un bimbo affetto da gravissime lesioni cerebrali tali da determinarne un danno biologico permanente nella misura del 95%. Nell’approfondimento dei fatti, è stato ricostruito minuziosamente l’intero iter del ricovero della gestante, dal momento della presa in carico da parte del presidio ospedaliero della provincia del Sud Sardegna fino all’evento del parto, ed è stato scoperto che il danno al nascituro era stato causato dalla sottovalutazione da parte dell’equipe ostetrica di turno del quadro clinico della paziente e dalla conseguente non corretta gestione della parto stesso.

La conseguente azione legale instaurata e portata avanti dai genitori del minore, incolpevole vittima dell’episodio di malasanità, aveva condotto un’Azienda sanitaria della Regione Autonoma della Sardegna, anche a seguito degli esiti di una consulenza tecnica medico-legale immediatamente disposta dal Tribunale di Cagliari, a riconoscere la grave responsabilità del danno in capo ai medici che avevano effettuato l’intervento laparotomico e definire nel 2019 il contenzioso attraverso la sottoscrizione di un atto di transazione ed il contestuale versamento di un risarcimento pari a 1,560 milioni di euro.

La Guardia di finanza, nell’approfondire gli eventi economici successivi al grave fatto di malasanità, ha ulteriormente scoperto che il Commissario straordinario pro tempore dell’Azienda sanitaria regionale, che aveva disposto il pagamento dell’indennizzo, aveva contestualmente omesso l’avvio dell’azione di rivalsa sul personale medico e sanitario direttamente responsabile, non dando inizio, quindi, alle procedure di recupero erariale del danno cagionato. Pertanto, al termine delle indagini i Finanzieri hanno provveduto a segnalare all’autorità giudiziaria contabile cagliaritana per il recupero delle somme il  commissario  della Asl, nonché 5 medici ed 1 infermiere, ritenuti a vario titolo responsabili del grave errore medico. 

In Primo Piano
Verso il voto

Gianfranco Ganau: sosterrò la candidatura di Giuseppe Mascia a sindaco di Sassari

Le nostre iniziative