La Nuova Sardegna

Nuoro

Circonvallazione di Orosei, terzo sì

di Angelo Fontanesi
Circonvallazione di Orosei, terzo sì

Approvazione unanime dopo 8 anni di travagliato iter La strada sarà lunga oltre 2 km e collegherà le Ss 129 e 125

25 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





OROSEI. Dopo 8 anni di travagliato iter, avantieri per la terza volta il progetto preliminare della circonvallazione nord di Orosei con il nuovo ponte sul Cedrino, è arrivata l’approvazione all’unanimità del consiglio comunale. Il progetto della Net Engineering (associata con Uteco) ricalca di fatto i precedenti elaborati con la differenza che i tecnici progettisti hanno illustrato anche lo stralcio funzionale da 15 milioni di euro (fondi attualmente a disposizione del Comune) che ora attende di essere mandato in appalto dopo che verranno presentati e approvati i progetti definitivi ed esecutivo.

E occorrerà che ciò avvenga entro il 31 dicembre, pena la definitiva perenzione del finanziamento che proviene dalla rimodulazione del Pia per la realizzazione dell’approdo turistico di Foche e Pitzinna persosi poi per strada.

La nuova circonvallazione sarà lunga in totale circa 2 chilometri e mezzo e collegherà le statali 129 e 125 con due rotatorie che verranno realizzate una in località Zanzi sulla SS 129 e l'altra sulla 125 nei pressi del ponte di Parthinanbidda. Per scavalcare il Cedrino, nei pressi dell'ingresso del paese arrivando da Nuoro verrà costruito un ponte in acciaio a campata unica dall'aspetto futuristico che da solo costerà circa 5 milioni di euro. Ma se il clamoroso ritardo accumulato sinora dal progetto è dovuto in gran parte a contenziosi insorti tra la precedente amministrazione e la Net Engineering, avantieri ad esternare la loro avversità sono stati i proprietari dei terreni sui quali dovrà passare l'opera e che nelle settimane scorse avevano protocollato decine di osservazioni.

Le loro contrarietà vertono sostanzialmente su due aspetti: sulla quantificazione degli espropri (previsti nel progetto ad un costo irrisorio) e sulla reale valenza e utilità di un opera che andrà in ogni caso a compromettere terreni di alto valore agricolo e di spiccato interesse ambientale. Per cercare una soluzione soddisfacente per tutti, avantieri mattina i proprietari dei terreni e i tecnici delle Net Engineering si sono incontrati in Comune alla presenza del sindaco Franco Mula. Incontro che si è risolto con una fumata grigia: se per quanto riguarda gli espropri è stato deciso che le valutazioni saranno ridiscusse singolarmente con ogni proprietario, nessuna soluzione è stata invece trovata per quanto riguarda un ipotetico nuovo tracciato della strada.

«La destinazione di quei fondi ed il tracciato della circonvallazione sono state decisi da oltre sei anni e non da questa amministrazione – ha detto il sindaco Franco Mula – chiedere ora la modifica totale del progetto equivarrebbe a perdere un finanziamento che servirà a realizzare un opera di grande importanza per la viabilità di tutto il territorio».

In Primo Piano
L’approfondimento

La trincea dei sindaci contro lo spopolamento, Nughedu San Nicolò lotta per non scomparire

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative