La Nuova Sardegna

Nuoro

Scommessa vinta, riapre la Bitti-Sologo

di Kety Sanna
Scommessa vinta, riapre la Bitti-Sologo

L’Anas ha consegnato i lavori del raccordo provvisorio realizzato al chilometro 1 della strada danneggiata dall’alluvione

28 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





INVIATA A BITTI. L’Anas è stata di parola e, dando priorità alla realizzazione di bretelle provvisorie per collegare i paesi colpiti dall’alluvione, come aveva annunciato nel febbraio scorso, ieri ha riaperto il tratto sulla Bitti-Sologo spazzato via dal ciclone Cleopatra il 18 novembre scorso. Un momento importante per i centri che gravitano su questa strada condannati a sei mesi di isolamento o a lunghi giri per raggiungere il capoluogo barbaricino o, una qualsiasi altra destinazione fuori dal paese. Ieri mattina alla presenza dei sindaci di Bitti, Lula e Onanì, l’ingegnere Valerio Mele, capo di compartimento dell'Anas, ha presentato a tutti i lavori realizzati lungo l'importante arteria.

Un’opera provvisoria, non compatibile dal punto di vista idraulico con quella definitiva che dovrà essere aggiudicata a giugno. Il progetto prevede la realizzazione di un ponte che verrà concluso entro l’anno.

«In questo tratto non ci sono più strade interrotte – ha sottolineato Mele – Questa è l’opera più significativa portata a termine nel Nuorese, a parte qualche altra meno rilevante. È di questi giorni, per esempio, la riapertura al traffico (attraverso un raccordo provvisorio) della strada provinciale 45 che costeggia la 131 anche se, si tratta di una strada caratterizzata più da traffico locale (è usata soprattutto da agricoltori e allevatori che devono raggiungere le aziende). Inoltre – ha aggiunto Mele – sono state realizzate rampe provvisorie di accesso alla statale 131 per ripristinare la circolazione in provincia di Olbia-Tempio lungo la strada provinciale 24, a seguito del crollo del ponte di Loddone. Infine, è stato ultimato il ripristino delle scarpate, la regimazione idraulica e il posizionamento della rete paramassi lungo la strada statale 129, la Trasversale sarda».

Ma i lavori dell’Anas non sono finiti qui. «Il piano approvato dal commissario, infatti – ha detto ancora Mele – prevede, con qualche rimodulazione, 51 interventi, di cui 49 con procedure di gara già avviate, mentre oltre 40 sono già aggiudicate. Attualmente 16 cantieri sono in corso e siamo in attesa di completare le autorizzazioni previste, di genio civile e paesaggistiche, per avviarne degli altri. Sul ponte di Oloè, per esempio, l’impresa è pronta a muoversi. Siamo in attesa di completare l’acquisizione delle autorizzazioni e una volta partiti basteranno 20 o al massimo 30 giorni per riaprire la strada. Lì occorrerà riempire il buco e rinforzare i muri creando dei prolungamenti prefabbricati. Verrà ripristinata la situazione iniziale – ha concluso Mele – e questa volta sarà definitiva».

Turismo

L'assessore Franco Cuccureddu: la Sardegna vendiamola cara e diciamo grazie a chi spende 100 euro per una pizza

di Luigi Soriga
Le nostre iniziative