La Nuova Sardegna

Nuoro

Tensione a Sadali: migranti in rivolta contro polizia e carabinieri

Tensione a Sadali: migranti in rivolta contro polizia e carabinieri

Sono 86 extracomunitari del gruppo arrivato in aeroporto a Elmas nell'ambito dell'operazione nazionale Mare Nostrum.  Rifiutano la permanenza nel paese nuorese. Un ufficiale dei carabinieri e cinque operatori di polizia costretti dal gruppo a sostare dentro un recinto fatto di cassonetti di rifiuti. In arrivo rinforzi da Nuoro

18 agosto 2014
1 MINUTI DI LETTURA





NUORO. Rivolta di un gruppo di migranti giunti questa sera in Sardegna nell'ambito dell'operazione Mare Nostrum. Sono 86 gli stranieri, sui 120 arrivati oggi a Cagliari, che tengono sotto pressione le forze dell'ordine a Sadali, all'hotel Janas, dove avrebbero dovuto alloggiare dopo il trasferimento dal capoluogo sardo.

Gli 86 migranti protestano con le forze dell'ordine perchè non vogliono stare nel paese del nuorese.

Arrivati davanti all'albergo hanno inscenato una protesta, con una sorta di recinto fatto di bidoni e cassonetti dei rifiuti all'interno del quale hanno “rinchiuso” un capitano dei carabinieri, tre poliziotti del commissariato di Lanusei e due operatori della Scientifica di Nuoro.

Si stanno vivendo momenti di tensione ma le forze dell'ordine non sarebbero sotto sequestro, però ma continuano a vigilare la situazione in attesa di rinforzi.

Sul posto è appena giunta una pattuglia della Squadra volanti della polizia e altre ne arriveranno da Nuoro.

In Primo Piano
Allarme sicurezza

Sassari, panico a San Donato: nigeriano spara in aria con una pistola

Video

Europeade del folklore, Alessandra Todde: «Nuoro al centro della cultura europea»

Le nostre iniziative