La Nuova Sardegna

Nuoro

tertenia

Educazione per cambiare la società

di Claudia Carta
Educazione per cambiare la società

Nell’Istituto comprensivo una serie di incontri con Lorenzo Braina

29 agosto 2014
2 MINUTI DI LETTURA





TERTENIA. «La società può essere cambiata attraverso l’educazione. C’è un unico modo per fare bene le cose: insieme». È la filosofia di vita di Lorenzo Braina, fondatore e direttore scientifico del centro Crea, per la Creatività educativa. Emergenza educativa. È bene che se ne parli spesso. Ma è fondamentale sottolineare il concetto di responsabilità educativa. Ed è giusto farlo insieme ai principali attori cui compete un ruolo così importante: scuola e famiglia. Ecco perché l’Istituto comprensivo di Tertenia, in collaborazione proprio con il Centro Crea di Lorenzo Braina, ha studiato un’iniziativa costruttiva e dinamica, rivolta a genitori e insegnanti, a partire dal 5 settembre. Significativo il titolo: “Il Patto educativo, Scuola e Famiglia per un percorso condiviso”. «La proposta – spiega il dirigente scolastico Massimo Mocci – nasce con l’intento di ragionare intorno alla grande questione della responsabilità formativa. Spesso tra scuola e famiglia ci si rimpallano compiti, responsabilità e doveri, rendendo ancora più complicato il già difficile compito della formazione delle nuove generazioni». Domande complesse alle quali dare una risposta condivisa e proficua: quali oggi sono i compiti dell’insegnante e del genitore? Come essere un insegnante e un genitore efficace per i nuovi e faticosi bimbi del 2000? Come poter vedere l’altro, insegnante e genitore, come una reciproca risorsa, utile soprattutto per il bambino e la sua crescita? Come far sì che scuola e famiglia remino nella stessa direzione, rendendo i compiti più semplici ed efficaci? Le giornate formative destinate ai genitori avranno luogo nella Scuola primaria il 5, 12 e 22 settembre dalle 17.30. Quelle per gli insegnanti si svolgeranno nelle stesse date, ma al mattino. L’ultimo incontro, il pomeriggio del 22, si svolgerà in plenaria, genitori ed docenti insieme.

In Primo Piano
Trasporti

Rotaie roventi: un altro stop ai treni

di Andrea Massidda
Le nostre iniziative